Amelia, bambino ferito in classe. Scuola contro insegnante: "Risarcisca" - Tuttoggi

Amelia, bambino ferito in classe. Scuola contro insegnante: “Risarcisca”

Sara Minciaroni

Amelia, bambino ferito in classe. Scuola contro insegnante: “Risarcisca”

Il minore "invalido" all'occhio per la gomma lanciata da un compagno. Maestra davanti alla Corte dei Conti
Mer, 25/11/2015 - 12:55

Condividi su:


Lo studente viene ferito in aula da un compagno e la Corte dei Conti chiama la maestra a risarcire il danno.  L’incidente risale al 2001 ed avviene in una scuola di Amelia. Uno studente riporta un serio trauma oculistico a seguito del lancio di una gomma da cancellare da parte di un compagno di classe che gli valso il riconoscimento di un 7% di invalidità. I genitori citano la scuola e il giudice civile condanna l’amministrazione scolastica a pagare un risarcimento di circa 21 mila euro.

La procura della Corte dei Conti sostiene quindi che l’insegnante debba risarcire questa somma all’amministrazione scolastica. Colpa grave da parte dell’insegnante perchè secondo la procura la docente, pur se presente in aula,  non sarebbe riuscita a calmare la classe dominata da una certa “anarchia”, aveva detto il giudice civile.

Ma gli studenti dell’epoca non sono rintracciabili, il registro di classe nemmeno, i colleghi di allora trasferiti o deceduti, per questo la difesa della donna – portata avanti dall’avvocato Antonio De Angelis – sostiene che sia impossibile rintracciare prove a conforto del fatto che la donna avesse avuto un atteggiamento di colpa grave. Questa riflessione della difesa è chiaramente finalizzata ad evidenziare che la procura della corte dei conti si è basata solo sulla sentenza del giudice civile e che la grande distanza di tempo intercorsa tra i fatti e la citazione della magistratura contabile (fatti del 2001, citazione del 2014) non avrebbe permesso di mettere in piedi un’idonea difesa dalle accuse.  Inoltre il gesto imprevedibile del compagno di classe sarebbe avvenuto mentre l’insegnante era rivolta di spalle alla classe per scrivere alla lavagna.

Questa mattina nell’udienza il collegio della Corte dei Conti si è riservato la decisione.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!