Alternanza Scuola-Lavoro | La proposta in Regione arriva dagli studenti - Tuttoggi

Alternanza Scuola-Lavoro | La proposta in Regione arriva dagli studenti

Alessia Chiriatti

Alternanza Scuola-Lavoro | La proposta in Regione arriva dagli studenti

I giovani di Altrascuola - Rete degli Studenti Medi Umbria in Commissione, "valorizzare le proprie competenze a prescindere dalla propria situazione economica"
Gio, 01/06/2017 - 08:46

Condividi su:


Una proposta di legge sull’Alternanza Scuola-Lavoro, che aiuti a mettere ordine nel mare magnum del monte ore che ogni studente delle scuole superiori deve affrontare, a seconda del tipo di istituto che frequenta. A metterla nero su bianco sono stati gli studenti di  Altrascuola – Rete degli Studenti Medi Umbria, ricevuti ieri in Commissione in Regione Umbria.

Con la nostra proposta – scrivono i giovani in una loro nota stampa – vogliamo costruire un sistema che permetta ad ogni studente di accedere ai più alti livelli di istruzione, vivere la propria vita da studente come un momento di continua crescita dentro e fuori la scuola, di valorizzare le proprie competenze a prescindere dalla propria situazione economica. Vogliamo che l’Alternanza Scuola-Lavoro sia una metodologia didattica veramente formativa, che possa essere un punto di incontro tra due mondi, che non significhi collocare studenti in situazioni di sfruttamento e che non renda impossibile per gli Studenti Lavoratori continuare la propria carriera che nella maggior parte dei casi è necessaria a sostenere il proprio percorso scolastico”.

Dichiara Luigi Leone Chiapparino, Coordinatore di Altrascuola – Rete degli Studenti Medi Umbria, “apprezziamo le numerose aperture della commissione e dell’assessorato, ora è il momento di iniziare a lavorare per far diventare realtà questo ambizioso progetto”.

Nei giorni e nelle settimane che verranno gli studenti di  Altrascuola – Rete degli Studenti Medi Umbria inizieranno a collaborare con le Istituzioni regionali, prendendo direttamente parte ai lavori nell’elaborazione del Piano Triennale per il Diritto allo Studio e nei tavoli di lavoro, dove promettono di far valere la voce degli studenti.

©Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!