Alla Rocca Flea si ricordano le vittime gualdesi della Grande Guerra - Tuttoggi

Alla Rocca Flea si ricordano le vittime gualdesi della Grande Guerra

Redazione

Alla Rocca Flea si ricordano le vittime gualdesi della Grande Guerra

Venerdì 13 marzo si terrà la rappresentazione “Impressioni di guerra" per rendere omaggio ai caduti 100 anni dopo / Si esibirà l'Umbria Ensemble
Mar, 10/03/2015 - 12:40

Condividi su:


A cento anni di distanza Gualdo Tadino ricorda la Grande Guerra. Venerdì 13 marzo alle 17 presso la Rocca Flea di Gualdo Tadino, si terrà la rappresentazione “Impressioni di guerra. Musicisti-soldati tra entusiasmi e disperazione al tempo della Grande Guerra” .

Nel corso del pomeriggio l’Umbria Ensemble, solisti di chiara fama e cameristi di alto spessore artistico, eseguirà un programma che vuole offrire, ad un secolo di lontananza, un ascolto di brani musicali e di pagine di diario in grado di raccontare in presa diretta stati d’animo e vicende legate al conflitto.

L’incontro fortemente voluto dall’Amministrazione Comunale è promosso dalla Fondazione Cariperugia Arte ed è inserito all’interno di un ciclo di conferenze intitolato “La Grande Guerra” inerente il tema della mostra esposta in Corso Vannucci 66 a Perugia, all’interno di Palazzo Baldeschi, su “La Prima guerra mondiale e l’Umbria”, aperta fino al 2 giugno.

All’appuntamento gualdese saranno presenti Massimiliano Presciutti, sindaco di Gualdo Tadino e Giuseppe Depretis, presidente della Fondazione Cariperugia Arte, che ricorderanno nell’occasione i caduti del territorio di Gualdo Tadino durante la Prima Guerra Mondiale (1915-1918).

Un elenco di 217 nominativi tratto dal libro “La Grande Guerra Dei Gualdesi” (pubblicato nel 2010) a cura di Fabrizio Bicchielli e Mauro Guidubaldi, che riporta i nomi dei caduti prendendo in considerazione i soldati nativi della città, quelli dei deceduti residenti a Gualdo Tadino al momento della guerra, i soldati nativi di comuni limitrofi che successivamente si sono trasferiti a Gualdo Tadino dove hanno formato la loro famiglia e dove, dopo la guerra, hanno continuato a vivere i propri genitori, le vedove e gli orfani, moltissimi figli di questi ultimi ancora residenti nella nostra città. Gente di Gualdo. Escluderli, in quanto anagraficamente nati in un altro comune, è quello che si è voluto evitare. La lista comprende anche tutti quei soldati che sono deceduti dopo la fine della guerra negli ospedali militari e civili o nella propria casa, a causa di ferite e malattie contratte durante il servizio militare.

E’ un onore per la nostra città – ha sottolineato il sindaco Massimiliano Presciutti – poter ospitare un appuntamento del genere, visto che questo evento fa parte del ciclo “La Grande Guerra” che toccherà solo tre Comuni in Umbria oltre al capoluogo Perugia. Ringrazio di questo la Fondazione Cariperugia Arte che ha reso possibile tutto ciò. Si tratta di un’occasione importante per commemorare i nostri concittadini. Rendere omaggio alle vittime della Prima Guerra Mondiale è necessario sia a tributare il giusto ricordo a quanti si sono sacrificati nel passato sia a conoscere la storia perché mai più essa debba ripetersi. Invito tutti i gualdesi a partecipare”.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!