“Aiuto, il mio amico è stato ucciso”, ma non era vero | Denunciato per procurato allarme

“Aiuto, il mio amico è stato ucciso”, ma non era vero | Denunciato per procurato allarme

E’ accaduto nella notte a Fontivegge, sudamericano denunciato per procurato allarme ed ubriachezza molesta dopo aver chiesto aiuto ad un automobilista di passaggio


share

Ha fermato un automobilista di passaggio in piena notte ed ha chiesto aiuto perché un suo amico era stato ucciso all’interno di un appartamento nella zona di Fontivegge. Immediatamente l’uomo ha segnalato i fatti al 113, con la polizia che è arrivata ben presto sul posto. I poliziotti della Volante di Perugia hanno quindi rintracciato la persona che aveva allertato i soccorsi e si sono fatti accompagnare presso l’abitazione segnalata.

All’interno vi constatavano la presenza di un cittadino peruviano 51enne –  vivo e vegeto – sorpreso dalla presenza dei poliziotti e dell’operato dell’uomo che aveva richiesto aiuto per l’amico deceduto. Questi veniva quindi identificato per un 60enne ecuadoriano residente a Perugia che peraltro si presentava in evidente stato di alterazione psico-fisica dovuta ad abuso di alcol; è stato denunciato, in stato di libertà, per procurato allarme all’autorità giudiziaria e sanzionato per ubriachezza molesta.

share

Commenti

Stampa