Affresco di Sant'Ercolano, il FAI Perugia chiama a raccolta - Tuttoggi

Affresco di Sant'Ercolano, il FAI Perugia chiama a raccolta

Redazione

Affresco di Sant'Ercolano, il FAI Perugia chiama a raccolta

Dom, 04/08/2013 - 12:18

Condividi su:


Affresco di Sant'Ercolano, il FAI Perugia chiama a raccolta

Giovedì 8 agosto 2013 alle ore 19.00 la Delegazione FAI di Perugia organizza una serata presso l’orto medievale del complesso di San Pietro Borgo XX Giugno – Perugia.
In programma una conferenza del prof. Bruno Romano, docente della Facoltà di Agraria dell’Università degli Studi di Perugia, sui Musei scientifici e l’Università degli Studi di Perugia, un buffet e piacevoli sorprese.

Cultura, musica e convivialità per godere della bellezza di una delle meraviglie del centro storico di Perugia.
I fondi raccolti saranno finalizzati al restauro di un affresco della Chiesa di Sant’Ercolano di Perugia. La partecipazione prevede un contributo libero a partire da € 15,00.
È necessario prenotare entro il 5 agosto contattando la Segreteria FAI Umbria – 075.5009658 – o scrivendo a delegazionefai.perugia@fondoambiente.it.
In questa occasione sarà inoltre possibile iscriversi al FAI con una speciale quota di benvenuto.

———————-

LA CHIESA DI SANT'ERCOLANO

Dove si trova – Addossata alle mura etrusche di Perugia la chiesa di sant’Ercolano si trova in via Sant’Ercolano, a breve distanza dalla rocca Paolina, dal crocevia dei Tre Archi e da corso Cavour.

Perchè visitarla – L’edificio costituisce un raro esempio di chiesa torre all’esterno mentre all’interno sotto l’ossatura dei pilastri e costoloni di epoca gotica è stata inserita una ricca decorazione barocca.

Descrizione – La chiesa di Sant’Ercolano, a forma di torre poligonale, fu eretta nei primi decenni del XIV secolo per volontà del governo cittadino e fu sempre officiata dal comune in piena indipendenza dalle autorità ecclesiastiche. La sua edificazione venne a consacrare il grande sviluppo registrato nel corso del Duecento del culto del santo martire patrono della città al quale la chiesa fu intitolata nel 1317; del resto anche la scelta del sito, posto in capo al borgo San Pietro e dunque su un asse sacrale, oltre che viario e urbanistico privilegiato, appare assai significativa: il nuovo comune impiantava il suo tempio in uno dei punti prospettici di maggiore evidenza della città. Cinta all’esterno da arcate cieche leggermente ogivali e coronata in alto da archetti pensili su lunghi peducci, la chiesa conserva al suo interno, affreschi del genovese Giovanni Andrea Carlone (1639-1697). Insieme alla decorazione della crociera della chiesa del Gesù (1656) e della tribuna dell’oratorio di San Filippo Neri (1668), portate a compimento dall’artista durante precedenti soggiorni in città, gli affreschi di Sant’Ercolano, che rappresentano nelle otto grandi lunette Episodi della vita di san Paolo e nella cupola Gloria di san Paolo tra i santi Gregorio Magno, Agostino e Giovanni Crisostomo, costituiscono una delle più importanti esemplificazioni della pittura barocca a Perugia. Le due cappelle in stucco, dedicate rispettivamente a san Carlo Borromeo e a san Martino sono opera dello scultore francese Jean Regnaud detto Giovanni di Sciampagna(1682). Nella tribuna lo spazio centrale è occupato da una copia della pala dei Decemviri di Pietro Perugino. Ai lati sono due tele di Andrea Carlone (san Pietro e san Paolo) e quattro dipinti di Mattia Salvucci con Storie di sant’Ercolano (1627). L’altar maggiore è invece costituito da un sarcofago del IV secolo.

Curiosità La chiesa di Sant’Ercolano è stata eretta sul luogo in cui, secondo la tradizione, venne martirizzato e sepolto sant’Ercolano al tempo dell’assedio di Totila (548 d.C). Il vescovo, quando il re dei Goti assediò la città, fu scorticato, decapitato e gettato giù dalle mura. Passati quaranta giorni dalla sepoltura i perugini decisero di traslare il corpo nell’allora cattedrale di San Pietro e lo rinvennero completamente intatto.

Foto e scheda tratte dal paesaggi.regioneumbria.eu

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!