Addio a don Nazzareno Scarinci, decano del clero eugubino - Tuttoggi

Addio a don Nazzareno Scarinci, decano del clero eugubino

Davide Baccarini

Addio a don Nazzareno Scarinci, decano del clero eugubino

Dom, 01/11/2020 - 16:30

Condividi su:


Si è spento il decano del clero eugubino, mons. Nazzareno Scarinci, che proprio quest’anno aveva festeggiato un secolo di vita e 75 anni di consacrazione sacerdotale.

Le sue condizioni di salute, già rese precarie da una broncopolmonite preesistente, hanno subito un peggioramento con la positività al Covid-19 rilevata negli ultimi giorni. Il funerale sarà celebrato domani (lunedì 2 novembre), alle ore 11,30 nella chiesa di San Francesco a Gubbio.

È bello pensare – ha detto il vescovo Luciano Paolucci Bediniche don Nazzareno sia entrato nella piena comunione con Dio proprio nella solennità di Tutti i Santi, come se avesse compiuto il suo percorso e fosse giunto là dov’è atteso da sempre. Lo sguardo di quando abbiamo celebrato i suoi 100 anni a Campitello è stato l’ultimo regalo di don Nazzareno a tutti i preti di Gubbio, per dirci quanto il sacerdozio possa riempire la vita di una persona”.

La sua è stata una vita da autentico “parroco di campagna”, dedito non soltanto all’apostolato ma anche all’attività contadina. Fino a quando le condizioni di salute glielo hanno permesso, si è dedicato con passione al lavoro dell’orto e della vigna. Amava sistemare la legna, accudire il pollame e curare le api.

Nacque il 27 gennaio 1920 a Campitello, frazione di montagna del Comune di Scheggia e Pascelupo, da una famiglia contadina. Fin da ragazzo aveva maturato il desiderio del sacerdozio, frequentando il Seminario vescovile di Gubbio e poi quello di Assisi. Una volta sacerdote, nelle parrocchie di Nerbisci, Pascelupo e Campitello, don Nazzareno con il suo stile di vita semplice, generoso e laborioso, volle condividere le gioie e le fatiche dei suoi parrocchiani in un mondo come quello delle campagne. La sua dedizione spirituale e pastorale venne riconosciuta con la nomina a monsignore, voluta dal vescovo Mario Ceccobelli. Da qualche anno, il sacerdote viveva a Gubbio, nella parrocchia di Sant’Agostino, attorniato dall’affetto e dalle premure dei suoi familiari.

L’8 luglio scorso don Nazzareno aveva festeggiato i 75 anni di sacerdozio. Venne ordinato prete da mons. Beniamino Ubaldi nel 1945, nella chiesa di San Giovanni. Mons. Scarinci ha svolto il suo ministero con uno stile essenziale, discreto, facendosi prossimo ai bisogni dei suoi fedeli nel condividere anche i sacrifici, accompagnato da una fede profonda e da un amore sincero per la Chiesa. Il 26 gennaio 2020, nella chiesa di Campitello, era stata celebrata la messa per i suoi 100 anni di età, presieduta dal vescovo Luciano Paolucci Bedini, alla presenza dell’emerito, mons. Mario Ceccobelli.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!