Acquasparta, in tanti per la 25esima edizione del Carnevale

Acquasparta, in tanti per la 25esima edizione del Carnevale

Ieri la prima sfilata del Carnevale dei bambini con lo spettacolo delle majorettes “Le Spartanes” | Si replica il 4 e 11 febbraio

share

Tra principi e principesse, animali esotici e nostrani, personaggi dei cartoni animati e dei fumetti si è aperta la 25esima edizione del Carnevale dei bambini di Acquasparta. In tanti non sono voluti mancare, domenica 28 gennaio, all’appuntamento con la sfilata dei carri allegorici e si sono tuffati in un mare di coriandoli e stelle filanti in un clima quasi primaverile.

Ad aprire la festa colorata, che si ripeterà ancora le domeniche 4 e 11 febbraio (una sfilata verrà ripetuta in caso di maltempo la domenica successiva), Le Spartanes, un gruppo di majorettes composto da atlete di età compresa tra i 3 e i 39 anni, che con il loro spettacolo lungo viale Roma e via Cesare Battisti sono diventate ormai ospiti fisse insieme al Gruppo bandistico ‘Città di Acquasparta’.

Dopo i tanti mesi di lavoro i volontari del Comitato del Carnevale dei bambini di Acquasparta hanno sfoggiato le loro imponenti creazioni, ‘Mazinger – la leggenda’, ‘Supereroi’ e ‘Il circo’. Accanto ai tre carri principali, di cui il più alto sfiora gli undici metri, anche i mini-carri, il brucomela, Il trenino, La diligenza, La regina del mare e Le tazze girevoli, realizzati per portare a spasso i più piccini nel centro storico. Qui, per ristorarsi, c’è la taverna ‘La cantina’, aperta dal 2 all’11 febbraio, ogni sera, e domenica 4 e 11 anche a pranzo (su prenotazione al numero 349.4376884). Abbinata al Carnevale anche una lotteria con in palio quattro premi, buoni benzina del valore di 500, 300, 200 e 100 euro, che saranno assegnati con l’estrazione finale del 24 febbraio effettuata alla presenza di un pubblico funzionario (i biglietti vincenti saranno comunicati sul sito carnevaleacquaspar.wixsite.com/carnevaleacquasparta nonché sulla pagina Facebook ‘Carnevale dei bambini di Acquasparta’).

“Lo spettacolo c’è – ha commentato Sergio Saveri, coordinatore del Comitato del Carnevale – ed è a costo zero per chi decide di partecipare. Dietro la sua organizzazione c’è sempre un grande lavoro ma vedere tutta questa gente che si diverte e l’allegria sul volto dei bambini ci ripaga di ogni fatica”.

share

Commenti

Stampa