80.mo ITALMATCH: FABIANI "NON BASTANO LE PAROLE". QUANDO LA COMUNICAZIONE VACILLA - Tuttoggi

80.mo ITALMATCH: FABIANI “NON BASTANO LE PAROLE”. QUANDO LA COMUNICAZIONE VACILLA

Redazione

80.mo ITALMATCH: FABIANI “NON BASTANO LE PAROLE”. QUANDO LA COMUNICAZIONE VACILLA

Mer, 10/12/2008 - 12:00

Condividi su:


80.mo ITALMATCH: FABIANI “NON BASTANO LE PAROLE”. QUANDO LA COMUNICAZIONE VACILLA

Era inevitabile che succedesse. Il comunicato stampa voluto dalla Italmatch (ex Saffa) per gli 80 di vita dello stabilimento spoletino – documento che su alcuni giornali è apparso a pagamento – ha sollevato non poche critiche e dubbi. Forse anche per il modo usato da questa azienda che fino ad oggi ha mantenuto sempre un comportamento per così dire alquanto riservato. Il documento (clicca qui) ha sollevato reazioni tanto fra la società civile che fra gli esponenti politici. Il primo a prendere posizione è il capogruppo di Casa Rossa, Aurelio Fabiani, che, punto su punto, contesta le tesi sostenute dall'industria chimica. Ecco il documento:

“Dice la Ditta: Non produciamo fosforo giallo. Infatti lo si manipola ad alte temperature (280°) Il fosforo giallo è alla base di tutte le lavorazioni alla Italmatch Chemicals. I prodotti manipolati nell’azienda sono classificati come altamente tossici (Vedi foto documento)

Dice la Ditta: Rispettiamo tutte le norme. Ci mancherebbe altro! Visto dove si trova lo stabilimento e le sostanze che lavora.

Dice la Ditta: Non ci sono pericoli all’esterno della fabbrica.

Nel documento della Protezione Civile alla voce : TIPOLOGIE DI EVENTI POSSIBILI, è scritto: “Di tutti gli incidenti simulati nel rapporto di sicurezza NESSUNO ha effetti pericolosi per la salute e la sicurezza di persone estesi all’esterno dei confini dello stabilimento. In caso di incendio il fosforo giallo o rosso o di prodotto finito, gli effetti dell’incidente con possibili danni alla salute rimangono confinati all’interno dei confini dello stabilimento ed all’esterno si potrebbero avere effetti che coinvolgono la popolazione solo per gli aspetti di irritazioni cutanee, alle mucose, agli occhi ed alle vie respiratorie entro la distanza di 240 metri e a maggiore distanze solo effetti sensoriali di tipo visivo e olfattivo, con possibili ripercussioni emotive, ma senza danni per la salute dei soggetti esposti”.

Sembrerebbero dirci è solo paura e poca altra cosa ( un po’ di irritazioni e un po’ di puzza ). Il problema sta però proprio in quello che scrive la Protezione Civile, e cioè: “di tutti gli incidenti simulati; non scrivono: abbiamo simulato tutti gli incidenti possibili. E il dubbio si fa più forte quando tra gli adempimenti obbligatori, conseguenti l’approvazione del Piano di emergenza esterno, elaborato in collaborazione con la Prefettura e l’Azienda, viene prevista, la simulazione di un incidente presso lo stabilimento con il coinvolgimento della popolazione scolastica e adulta.

La domanda perciò corre d’obbligo, qualcuno aveva previsto o simulato l’esplosione alla Umbria Oli?

Se non ricordo male non era neanche classificata come Azienda a Rischio e l’Olio come si sa non è Fosforo.

Il problema perciò torna ad essere solo uno, quella fabbrica, l’Italmatch, non può stare lì dov’è, in mezzo alle tante case e scuole, che le Amministrazioni con cui ha concertato tutto quanto è accaduto fino ad oggi nello stabilimento (come dice la Ditta) gli hanno fatto crescere intorno, e ce ne saranno ancora,con abbondanza, nel prossimo futuro. F.to Aurelio Fabiani, Consigliere Comunale Spoleto – Casa Rossa per la Costituente Comunista”


Condividi su:


Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!