75° anniversario Liberazione Foligno, cerimonia del 16 giugno e intervento del sindaco Zuccarini

75° anniversario Liberazione Foligno, cerimonia del 16 giugno e intervento del sindaco Zuccarini

Il primo cittadino, “Rivolgo a tutti i presenti un appello per impegnarsi anche con i propri comportamenti a costruire la pace tra i popoli per il ripudio di ogni guerra”

share

Cerimonia del 16 giugno in piazza don Minzoni, a Foligno, in occasione del 75° anniversario della Liberazione di Foligno. Nel corso del suo intervento, il sindaco Stefano Zuccarini ha ricordato, tra l’altro, che “il 16 giugno 1944, dopo 4 lunghi anni di guerra e 36 bombardamenti pesanti subiti dalla città, che produssero tante vittime innocenti e distruzioni, giunse anche per Foligno il momento della Liberazione.

“Il 16 giugno del 1944 le truppe alleate, con l’ausilio e il sacrificio delle forze partigiane, ingaggiarono un combattimento con i tedeschi in ritirata all’altezza di Ponte San Magno, per impedire che il Ponte della Liberazione, precedentemente minato, fosse fatto saltare in aria. A loro va il nostro commosso ricordo e ringraziamento.

Quel 16 giugno del ‘44 segnò per i folignati la fine del conflitto. A 75 anni da quell’evento, celebriamo il 16 giugno in piazza Don Minzoni, un luogo nato dalle conseguenze di un bombardamento aereo. In questo spazio prima c’era un palazzo seicentesco: Palazzo Rodati Buffetti che fu centrato e distrutto da una bomba aerea alleata sganciata il 16 marzo 1944.

Altri spazi del centro storico di Foligno furono distrutti. Rivolgo a tutti i presenti un appello per impegnarsi anche con i propri comportamenti a costruire la pace tra i popoli per il ripudio di ogni guerra perché i conflitti armati non aiutano a risolvere i problemi ma lasciano dietro di sé lutti e distruzioni”.

 

share

Commenti

Stampa