Vus, interpellanza del centrodestra sulla trasparenza da parte della società - Tuttoggi

Vus, interpellanza del centrodestra sulla trasparenza da parte della società

Redazione

Vus, interpellanza del centrodestra sulla trasparenza da parte della società

Dom, 17/02/2013 - 10:41

Condividi su:


Vus, interpellanza del centrodestra sulla trasparenza da parte della società

Nella giornata di venerdì (15 febbraio ndr.) i gruppi di opposizione Rinnovamento per Loretoni, Raggruppamento Loretoni e Gruppo Misto hanno presentato un'interpellanza al sindaco di Spoleto in merito al rispetto della norma in vigore in materia di trasparenza da parte della Vus. Ecco la nota inviata alla stampa:

Alla VUS si deve fare qualcosa! Ogni volta che andiamo a verificare le prassi aziendali ci accorgiamo di qualcosa che non va.

Sembra anzi che la poca trasparenza dimostrata nel disattendere sistematicamente la normativa che regola l’accesso agli atti e nel fornire risposte alle nostre interpellanze ed interrogazioni sempre parziali ed incomplete, sia di fatto una prassi oramai consolidata.
Stando infatti a quello che abbiamo potuto constatare sul sito della VUS non pare vengano rispettate le disposizioni dettate in materia di trasparenza dal “decreto sviluppo 2012”.
Il decreto legge 83/2012 pone infatti l'obbligo, dal 1 gennaio 2013, di rendere fruibili vari dati sull'attività svolta dall'azienda partecipata. La normativa in questione, infatti, prevede al Titolo II che sia le amministrazioni pubbliche che le società in house delle pubbliche amministrazioni (come appunto la VUS) siano dotate nel proprio sito internet di un'apposita sezione, “ben visibile nella homepage del sito, nell'ambito dei dati della sezione ‘Trasparenza, valutazione e merito'”. In tale sezione vanno inseriti i dati relativi alla “concessione delle sovvenzioni, contributi, sussidi ed ausili finanziari alle imprese e l'attribuzione dei corrispettivi e dei compensi a persone, professionisti, imprese ed enti privati e comunque di vantaggi economici di qualunque genere”, indicando: il nome dell'impresa o altro soggetto beneficiario ed i suoi dati fiscali, l'importo, la norma o il titolo a base dell'attribuzione, l'ufficio e il funzionario o dirigente responsabile del relativo procedimento amministrativo, la modalità seguita per l'individuazione del beneficiario, il link al progetto selezionato, al curriculum del soggetto incaricato, nonché al contratto e capitolato della prestazione, fornitura o servizio”.
Considerato che dall’esame del sito non è dato rinvenire le informazioni previste dal D.L. 83/12 siamo stati ancora una volta costretti a presentare interpellanza ove chiediamo al sindaco se la VUS, visto che non può avere una dispensa papale per il fatto che il Papa si è dimesso, ha ottenuto una qualche deroga per non rispettare la legge e in quel caso chiediamo i contenuti di questa deroga. Se non avesse nessuna deroga, chiediamo di sapere perché si sia verificata tale omissione e quali provvedimenti ed iniziative si intenda adottare, quale membro del coordinamento dei soci, nei confronti degli eventuali responsabili. Come ultimo quesito chiediamo di sapere se risulti che altre aziende partecipate non hanno rispettato la norma vigente e perché? Ovviamente il nostro auspicio è che almeno la risposta sia data nei 30 giorni previsti!


Condividi su:


Aggiungi un commento