Treofan Terni, prosegue 'guerra' contro Jindal | Presidio blocca macchinari - Tuttoggi

Treofan Terni, prosegue ‘guerra’ contro Jindal | Presidio blocca macchinari

Luca Biribanti

Treofan Terni, prosegue ‘guerra’ contro Jindal | Presidio blocca macchinari

Delegazione di lavoratori ternani al sito di Battipaglia
Mar, 30/06/2020 - 16:25

Condividi su:


Treofan Terni, prosegue ‘guerra’ contro Jindal | Presidio blocca macchinari

La vertenza Treofan sta attraversando la sua fase più delicata e aspra. Questa mattina una delegazione di lavoratori si è recata davanti i cancelli del sito di Battipaglia per impedire ai tecnici olandesi e di Brindisi di entrare nella fabbrica campana per effettuare un sopralluogo finalizzato allo spostamento dei macchinari in altri siti del Gruppo Jindal, sottraendoli di fatto a quello umbro, che aspetta le attrezzature garantire la produzione presente e futura e la continuità lavorativa alle maestranze.

Tavolo saltato

Il presidio è stato organizzato dopo il tavolo dello scorso 26 giugno nell’ambito del quale, come sottolineano i sindacati: “per l’ennesima volta si è riscontrato un atteggiamento ostile e provocatorio, da parte del’A.D. Kaufmann, di conseguenza l’incontro tecnico non ha dato alcun riscontro ed è stato un nulla di fatto, anche in presenza del direttore Aloys Slender”.

Il sito di Terni, come denunciato più volte dalle sigle sindacali, è stato nel tempo sempre più “alleggerito”, con ordinativi dirottati verso altri stabilimenti Jindal.

Lettera alle istituzioni

“Nessuna risposta a domande più tecniche – incalzano i sindacati riferendosi sempre al tavolo del 26 giugno e inviando una missiva alle istituzioni – Non hanno dato nessuna risposta esaustiva. Le rassicurazioni verbali purtroppo vengono da mesi smentite dai fatti che vedono. I principali e più importanti macchinari di Battipaglia destinati ad altri siti europei e non a Terni, nonostante siano fortemente necessari per revamping e potenziamento del sito situazione alla quale si aggiunge il ridimensionamento del numero del personale rispetto le 151 unità delle iniziali slide presentate al MiSE, che secondo le proiezioni aziendali è destinato a scendere, mette in difficoltà la tenuta dello stabilimento già da ora, con numeri che si riscontrano insufficienti per poter svolgere l’ordinaria attività lavorativa”.

Criticità e appello alle istituzioni

Secondo quanto riferito dalla nota congiunta dei sindacati, rispetto i numeri del personale, si confermano le attuali 143 unità , che saranno comunque riviste alla fine dell’anno, dopo l’arrivo della taglierina a Terni; è stata anche comunicata la volontà di spostare il prodotto finito presso un magazzino Jindal, situato al nord Italia.

“Chiediamo a tutti (riferendosi alle istituzioni locale, regionali e del Governo, ndr) – concludono i sindacati – di adoperarvi al fine di garantire il mantenimento del sito Treofan di Terni a partire dal blocco dei macchinari presenti su Battipaglia”.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!