Vandali al Centro islamico, le parole al veleno dell’Amministrazione

Vandali al Centro islamico, le parole al veleno dell’Amministrazione

Il Comune di Umbertide polemico soprattutto con Guasticchi, “Sue polemiche strumentali e meschine”

share

Alla luce dei recenti fatti accaduti nei pressi del cantiere del costruendo centro culturale islamico, anche l’Amministrazione Comunale di Umbertide condanna fermamente ogni forma di violenza e di discriminazione. Questo il testo integrale del comunicato:

Richiamiamo alla responsabilità di ciascuno affinché il timore causato dagli attacchi terroristici da una parte e le polemiche, strumentali e propagandisiche, di certa parte politica dall’altra, non finiscano per minare la cultura di accoglienza ed inclusione che ha da sempre contraddistinto Umbertide. Alla luce di tutto ciò, ci appaiono alquanto inopportune le prese di posizione dei partiti dell’opposizione, e cosa ancor più grave, di esponenti politici che ricoprono importanti cariche pubbliche, a partire dal Vicepresidente del Consiglio Regionale Marco Vinicio Guasticchi. Dovrebbe sapere, essendo anch’egli umbertidese, che in questa città il processo di integrazione ed accoglienza degli immigrati, valori fondanti della cultura di sinistra, si è sviluppato sin dagli anni ’90 ed è andato avanti positivamente, consentendo alla comunità musulmana si integrarsi nel territorio e alla nostra città di crescere. Sono infatti molte le imprese umbertidesi che producono e crescono grazie anche alla manodopera di immigrati e non sono poche le famiglie che affittano case a stranieri o che a loro stessi affidano la cura dei propri anziani e di questo la nostra comunità non può che esserne fiera

Dichiarazioni come quelle espresse dal vicepresidente Guasticchi, molto più vicine alla cultura di centrodestra che alla cultura del partito al quale dovrebbe avere l’onore di appartenere, non fanno altro che creare un clima ostile nei confronti degli immigrati, totalmente estraneo alla cultura e alla storia della nostra città. Tutto questo con l’unico obbiettivo di denigrare l’operato, coerente e trasparente, di un’Amministrazione che lui stesso ha sostenuto alle amministrative del 2014 e alla quale invece oggi si oppone come la più critica delle opposizioni. E’ inoltre patetico il riferimento che il vicepresidente Guasticchi fa ai valori del Cristianesimo, dal momento che, da buon cristiano come lui stesso si professa, non dovrebbe avere problemi ad accogliere e ad includere, così come a consentire lo svolgimento di culti diversi dal proprio credo. E per fare ancora più presa nel sentire comune, parla addirittura di moschea gigante, quando dei 1.300 mq circa della struttura, alla sala polivalente sono destinati circa 400 mq, pari alle tante altre sale polivalenti (circoli, centri culturali, cva) sparse sul territorio comunale, e comunque non certo “giganti”, soprattutto se rapportati ai circa 2000 fedeli musulmani nel nostro territorio. Insomma, alla luce di tutto ciò, le dichiarazioni del vicepresidente Guasticchi sembrano soltanto polemiche strumentali e meschine, che cercano di far leva sulle paure della gente ma che, siamo convinti, non andranno ad intaccare quella cultura dell’accoglienza e dell’inclusione di cui la nostra comunità deve andare fiera e che questa Amministrazione continuerà a difendere strenuamente nell’interesse di tutti i cittadini umbertidesi

share

Commenti

Stampa