Una Sir decimata cade a Trento solo al tie break GALLERY

Una Sir decimata cade a Trento solo al tie break GALLERY

Massimo Sbardella

Una Sir decimata cade a Trento solo al tie break GALLERY

Dom, 02/01/2022 - 20:26

Condividi su:


Senza il palleggiatore, Ricci, Russo e Ter Horst, e con Anderson a mezzo servizio, i Block Devils si arrendono solo nel finale a Michieletto e compagni

Con Simone Giannelli e Fabio Ricci tornati a Perugia con sintomi influenzali, con Russo e Ter Horst fermati precauzionalmente e con Anderson senza allenamento nelle gambe, la Sir Safety Conad cade a Trento 3-1 al termine di una partita comunque molto combattuta.

Padroni di casa guidati da Michieletto e Kaziyski, con Sbertoli in regia. La Sir si affida a Travica e al servizio di Leon e Plotnytskyi, ma il più efficace è Kamil Rychlicki, che sembra aver invece perfettamente recuperato dopo lo stop per il Covid.

Tra i Block Devils, alla fine Leon mette a segno 28 punti (tra cui 5 ace), Rychlicki al rientro chiude con 21 palloni a segno con 3 muri e Solè in doppia cifra con 13 con 4 muri.

La partita

Nel primo set l’Itas allunga con l’ace di Kaziyski (15-13). La Sir si riporta sotto con il servizio vincente di Leon (17-16). Ma i padroni di casa migliorano in difesa e si prendono il primo set con il muro di Lavia (25-21).

Nella seconda frazione la Sir parte subito forte. Ace di Leon per il 6-3. I Block Devils allungano grazie alle giocate di Rychlicki (11-6).

Trento si riporta sotto, l’ace di Michieletto vale il -2 (16-14). Ma Perugia riesce a mantenere il vantaggio ed allungare.

L’ace di Leon vale 4 set points. La chiude Solè al secondo tentativo (25-21).

Il terzo set si apre con l’ace di Plotnytskyi. Perugia allunga sull’attacco di Leon 6-2, ma Michieletto riporta sotto Trento.

L’invasione di Leon confermata dal check segna la parità (10-10). Poi trento va sul +2.

Rychlicki ritrova il pareggio dai 9 metri (19 pari). La Sir in confusione regala il punto numero 24. Ma i Blok Devils annullano 4 set points. Per poi cedere 26-24 quanto Trento mura Plotnytskyi.

Avvio di quarto set all’insegna dell’equilibrio. Poi Trento trova il break e prova a mantenere i 3 punti di vantaggio.

La Sir non riesce a dare continuità al suo attacco e Trento sull’attacco di Michieletto trova il 15-11.

Tra i Block Devils il solo Rychlicki sembra non volersi arrendere.

L’ace di Anderson vale il -3 (19-16). Il muro di Solè riporta la Sir a -1 (21-20).

Con il turno al servizio di Leon la Sir ingrana la marcia. Prima piazza l’ace del 22 pari. E poi allunga fino a chiudere per il 25-22 che vale un punto e l’insperato tie break.

Gli errori di Leon e Kaziyski mantengono le due squadre in parità (5-5).

Allungo di Trento sul +2 (7-5). I padroni di casa mantengono il vantaggio, i Block Devils provano a rientrare.

Grbic prova la carta Plotnytskyi, ma il suo servizio si ferma sulla rete.

L’invasione fischiata a Travica vale il 33 per Trento (12-9).

Rychlicki murato per due volte da Lavia segna la resa di Perugia. Leon non ci sta e trova l’ace. Lorenzetti si ricorda di quanto avvenuto nel set precedente e chiama i suoi. Kaziyski però non sbaglia e col mani fuori trova il punto che vale la vittoria.

Applausi per i giovani di Trento. Applausi per i ragazzi di Grbic, che hanno reagito con orgoglio a questa nuova improvvisa difficoltà. Per i Block Devils il rammarico per quel terzo set iniziato in vantaggio e che era stato recuperato alla fine.

Ora si sperano buone notizie almeno dal giro dei tamponi a cui saranno sottoposti i giocatori fermati precauzionalmente e il resto del gruppo squadra.

Tabellino

Itas Trentino Trento – Sir Safety Conad Perugia 3-2
25-21; 21-25; 26-24; 22-25; 15-10

ITAS TRENTINO: Sbertoli 1, Lavia 16, Lisinac 7, Podrascanin 6, Michieletto 17, Kaziyski 20, Zenger (libero), Sperotto, Pinali. N.e.: D’Heer, Cavuto, Albergati, De Angelis. All. Lorenzetti, vice all. Petrella.
TRENTO: 16 b.s., 4 ace, 41% ric. pos., 19% ric. prf., 48% att., 15 muri. 

SIR SAFETY CONAD PERUGIA: Travica, Rychlicki 21, Mengozzi 5, Solè 13, Leon 28, Plotnytskyi 8, Colaci (libero), Piccinelli, Anderson 3. N.e.: Dardzans, Ter Horst, Russo. All. Grbic, vice all. Valentini.
PERUGIA: 20 b.s., 9 ace, 51% ric. pos., 24% ric. prf., 46% att., 10 muri.

Arbitri: Massimo Florian – Giuseppe Curto

L’orgoglio di Travica

Così Dragan Travica: “Al tie break era meglio vincere, ma di fronte avevamo una squadra forte e in salute a differenza nostra. Ma abbiamo lottato tutti e cinque i set, mettendoci dentro il cuore perché sapevamo che ne sarebbe servito tanto stasera. La squadra ha dimostrato un carattere molto positivo e questo, nonostante la sconfitta, ci rende orgogliosi”.

(segue servizio completo con statistiche e commenti)

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!