Un Giardino Sensoriale e un Orto terapeutico, il progetto della Fondazione Comunità Marscianese - Tuttoggi

Un Giardino Sensoriale e un Orto terapeutico, il progetto della Fondazione Comunità Marscianese

Redazione

Un Giardino Sensoriale e un Orto terapeutico, il progetto della Fondazione Comunità Marscianese

Sostenuto dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia, l'iniziativa consolida le attività rivolte agli anziani enll'ambito del progetto Ben'essere 2020
Mer, 08/01/2020 - 11:05

Condividi su:


Un Giardino Sensoriale e un Orto terapeutico, il progetto della Fondazione Comunità Marscianese

Per il Progetto Ben’Essere della Fondazione Comunità Marscianese è tempo di bilanci, guardando agli obiettivi immediati del 2020.

Il 2019 ha sancito la consacrazione di un progetto di welfare, realizzato nell’ambito del Bando “Idee per un Welfare di comunità 2018” della Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia, che per Marsciano ha rappresentato una novità assoluta nell’ambito delle attività rivolte agli anziani.

Un’iniziativa, quella della Fondazione presieduta da Giovanni Marcacci, nata soprattutto per offrire servizi socio-culturali e intergenerazionali, con riferimento specifico agli over 65, i cui cardini sono rappresentati dalle due strutture del Giardino Sensoriale e dell’Orto terapeutico.

Queste due aree sono sede, settimanalmente, di numerose attività, in diversi ambiti, che man mano si sono estese su tutto il territorio comunale, grazie alla collaborazione con tante realtà associative che hanno messo a disposizione anche altre sedi e punti di incontro: il Parco Ponte, il Parco verde di Schiavo e il Parco Ammeto.

La festa dei nonni, a ottobre, ha simbolicamente dato il via al ricco programma di appuntamenti, molti dei quali, calendarizzati settimanalmente, stanno coinvolgendo le scuole del Primo circolo didattico di Marsciano, insieme al liceo artistico Magnini di Deruta e le associazioni del territorio.

Tra le attività che stanno riscuotendo maggiore interesse e maggiormente praticate, quella dei corsi Nordic walking, ma grande interesse hanno fatto registrare i laboratori di lavorazione della ceramica, realizzati in collaborazione con gli studenti dell’istituto d’arte di Deruta.

Tra i progetti che hanno permesso di compiere concretamente l’incontro intergenerazionale, che è di fatto lo spirito e il principio fondante dell’intero progetto di welfare, quella del concorso “Nonni e nipoti”, consistito nella realizzazione di elaborati da parte degli alunni delle materne elementari e medie del territorio, le cui premiazioni si sono svolte a ridosso del Natale.

La Fondazione sta lavorando al calendario di appuntamenti per il prossimo anno, che a breve saranno resi noti anche attraverso il terzo numero di ‘Fcm Informa’, una rivista periodica realizzata dalla Fondazione stessa, che si unisce, tra l’altro, al Vademecum della Salute, un opuscolo informativo realizzato in collaborazione con alcuni professionisti del settore medico e distribuito in occasione dell’inaugurazione del progetto.

L’obiettivo per il 2020 è ora portare a termine il Muretto del Ben’Essere, attraverso la campagna “Firma il tuo mattone”, che prevede, appunto, la possibilità di far realizzare e personalizzare i ‘tasselli’ (laterizi) che lo costituiscono.

Le attività intanto proseguono, nelle due aree di Giardino e Orto. Proprio qui è stata effettuata giorni fa la seconda raccolta dei prodotti. Le quattro casse di ortaggi raccolti, sono state donate alla Casa di Accoglienza Maria Immacolata di Marsciano. Si tratta della seconda donazione che viene fatta con i prodotto dell’Orto. A novembre la raccolta era andata in favore della locale Caritas A gennaio è prevista la terza ‘tappa’ della raccolta, dopodiché, a marzo, si provvederà alla nuova piantumazione, insieme ai bambini della Scuola Elementare del Primo Circolo.

______________________________________________________________________________

Aggiungi un commento