Un centro commerciale e rotatorie tra area archeologica dell'età del Ferro - Tuttoggi

Un centro commerciale e rotatorie tra area archeologica dell’età del Ferro

Marco Menta

Un centro commerciale e rotatorie tra area archeologica dell’età del Ferro

Sab, 12/03/2022 - 08:47

Condividi su:


Il futuro dell'area archeologica di Maratta Bassa a rischio per l'edificazione di un centro commerciale; "un giorno potrebbero rimproverarci".

La costruzione di un centro commerciale a ridosso dell’area archeologica di Maratta Bassa al centro del dibattito politico e non solo. La variante al piano regolatore, infatti, prevede la realizzazione di un emporio e della viabilità a servizio di quest’ultimo in un territorio interessato da ritrovamenti di un villaggio dell’età del Ferro.

Venerdì 11 marzo Michele Rossi, capogruppo di Terni Civica, nel corso di un convegno organizzato ad hoc, ha dimostrato l’importanza del sito ternano. Insieme al consigliere del Comune di Terni, presso il Museo Capitolare e Diocesano, gli archeologi Valentina Leonelli e Nicolò Sabina, che hanno descritto quanto emerso dagli scavi di Maratta Bassa, una zona ad altissima attenzione archeologica.

Rossi: “Il mio interesse per Maratta Bassa non è nuovo”

“Il mio interesse per Maratta Bassa non è certo nuovo”, ha dichiarato Michele Rossi. “Nel corso della mia esperienza amministrativa mi sono occupato diverse volte dell’area archeologica, facendola inserire, ad esempio, nel Dup del Comune di Terni, per lavorare a un progetto di valorizzazione, in un’ottica di futura attrattività turistica e culturale”. “Il Consiglio comunale, poi, ha votato questo emendamento, che ad oggi risulta completamente disatteso”.

Una rotonda e una via nel terreno sotto vincolo archeologico

A completamento del quadro la proposta di variante urbanistica in questi giorni all’esame dell’assise cittadina. “Il Consiglio comunale – ha precisato Rossi – ha espresso parere favorevole per un atto di indirizzo che reclamava maggiore attenzione per questi luoghi, chiedendo un confronto preventivo tra Soprintendenza regionale, Comune di Terni e Privato, al fine di tutelare il patrimonio archeologico. Ebbene, il confronto non sembra essersi mai verificato”. Nel mirino del capogruppo di Terni Civica, nello specifico, “la rotonda e la via che, stando alla variante urbanistica, ricadrebbero all’interno del terreno sotto vincolo archeologico”.

In giallo l’area archeologica, in verde l’area sotto vincolo archeologico: la viabilità del centro commerciale ricade nella zona di vincolo archeologico

Un insediamento dei Naharki risalente all’età del Ferro

La prima campagna di scavi nel sito archeologico di Maratta Bassa fu condotta, alla fine degli anni ’90, dalla dottoressa Claudia Giontella. Dalle strutture e dai reperti archeologici, l’insediamento abitato dai Naharki sembrerebbe risalire all’età del Ferro. Il villaggio, costituito da strutture capannicole con coppi di colmo, sorgeva, probabilmente, su una piccola altura di sabbia.

I risultati degli scavi

Di notevole rilevanza il materiale portato alla luce, databile tra il IX e il VI secolo a.C.. Scodelle, fuseruole, pesi da telaio, rocchetti, ceramiche che ricordano quelle greche. E ancora, piatti, frammenti di bucchero e gettoni di bronzo atti agli scambi premonetali. Tra le costruzioni rinvenute i resti di muri, fosse utilizzate, forse, come depositi per la conservazione di derrate alimentari, e una piccola fornace.

“Andiamo a sacrificare un possibile sviluppo di Maratta Bassa?”

“Andiamo a sacrificare – ha tuonato allora Michele Rossi – un possibile sviluppo del sito di Maratta Bassa per consentire una migliore viabilità?” “Dobbiamo già accettare la costruzione di un nuovo centro commerciale adiacente all’area archeologica, dovremmo anche rassegnarci al fatto che una strada passi nella zona sotto vincolo archeologico?”

La Soprintendenza, per il momento, ha imposto indagini preliminari di studio; condizione necessaria per esprimere un parere. “Nel frattempo – ha concluso Rossi – considero aberrante che un parco archeologico venga soffocato da una strada a beneficio di un centro commerciale privato”. “Le future generazioni potrebbero rimproverarci la mancanza di interesse per il sito archeologico di Maratta Bassa”.

Articolo correlato: Carsulae, tutti insieme per ripulire i resti dell’antica via Flaminia

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!