Umidità nelle Sae in Umbria, sopralluoghi confermano alcuni problemi | Da lunedì controlli a tappeto - Tuttoggi

Umidità nelle Sae in Umbria, sopralluoghi confermano alcuni problemi | Da lunedì controlli a tappeto

Sara Fratepietro

Umidità nelle Sae in Umbria, sopralluoghi confermano alcuni problemi | Da lunedì controlli a tappeto

Sopralluoghi a Savelli e Opaco di Norcia, ma previsti altri nei prossimi giorni | Pastorella del coordinamento comitati Terremoto centro Italia "Pavimenti con avvallamenti anche a Cascia" | Regione Umbria "Finora una decina di casi ma non ne escludiamo altri"
Gio, 22/11/2018 - 23:13

Condividi su:


Umidità nelle Sae in Umbria, sopralluoghi confermano alcuni problemi | Da lunedì controlli a tappeto

Riscontrati problemi di umidità e pavimenti danneggiati in oltre una decina di Sae, le casette che ospitano gli sfollati del terremoto, su una quindicina controllate in tutto giovedì mattina dalla Protezione civile a Norcia. Oltre ai tecnici del Dipartimento nazionale e di quello regionale della prociv, c’era Joseph Flagiello in rappresentanza della Regione Umbria e Francesco Pastorella per il coordinamento dei comitati Terremoto centro Italia oltre ai rappresentanti del consorzio Cns, fornitore delle casette.

Poche le casette ispezionate accuratamente, visto il tempo necessario a compiere le verifiche, tutte nella città di San Benedetto. Il sopralluogo è iniziato a Savelli, dove era già emersa una situazione problematica. E difatti, su 12 Sae, ce ne sono 10 in cui sono necessari interventi, per colpa dei pavimenti impregnati di acqua e muffa; per due abitazioni i lavori sono già iniziati nella giornata di giovedì, gli altri 8 verranno avviati a breve.


Umidità e funghi dentro le Sae di Cascia e Norcia, nuova tegola per i terremotati | Foto


Poi il gruppo si è spostato nel villaggio Sae nella zona industriale “B”, in località Opaco. “I tecnici della protezione civile nazionale hanno visitato 4-5 casette – spiega al telefono con Tuttoggi.info il portavoce dei comitati dei cittadini Francesco Pastorella – io personalmente ne ho visionate almeno 14 ed ho visto che ci sono problemi di umidità. Abbiamo chiesto ed ottenuto che vengano controllate tutte e 90 le abitazioni del villaggio Sae in questione, attraverso due sondaggi per quelle da 40 mq e tre per quelle più grandi. Ci è stato assicurato che ciò verrà fatto, a partire da lunedì, con controlli in 15 Sae al giorno”. Alcuni interventi, in realtà, nella zona industriale di Norcia erano stati già effettuati nei giorni scorsi.

Nessun sopralluogo ufficiale giovedì – non ce n’è stato il tempo – invece a Padule di Cascia, dove erano stati segnalati dai cittadini alcuni problemi e dove nei giorni scorsi è spuntato un fungo in una camera da letto. Questa Sae, in particolare, è stata prontamente oggetto di interventi sin subito dopo la segnalazione al Comune. Ma nel pomeriggio Pastorella da solo si è recato nella frazione casciana per verificare la situazione, che poi è stata segnalata alla protezione civile: “Su 8 casette, oltre a quella dove sono stati già fatti i lavori ce ne sono 6 in cui i pavimenti sono ammorbiditi e presentano avvallamenti. Nei prossimi giorni ci sono stati assicurati controlli ufficiali anche qui. Laddove le famiglie dovranno uscire di casa, il vitto e l’alloggio sarà a carico del consorzio Cns” spiega il rappresentante del coordinamento che raccoglie i comitati di 4 regioni costituitisi dopo il terremoto del 2016. E dai social intanto continuano a spuntare segnalazioni anche da altri villaggi Sae, come quello di Maltignano di Cascia. I cittadini che riscontrano problemi, comunque, sono invitati a contattare il proprio Comune, che attiverà la Protezione civile e la ditta interessata.

“Devo dire – è il commento di Pastorella – che in Umbria abbiamo visto una grande collaborazione e disponibilità da parte della Regione, oltre alla presenza fisica. Già in altre occasioni abbiamo riscontrato dialogo e la disponibilità ad accogliere le nostre proposte. In questo caso abbiamo telefonato ed in due giorni abbiamo organizzato un controllo a tappeto”.

Sul tema è intervenuta in una nota ufficiale anche la Regione Umbria attraverso il direttore generale Alfiero Moretti: “Oggi abbiamo compiuto i doverosi sopralluoghi nelle SAE (soluzioni abitative di emergenza) per le quali ci sono state segnalate difficoltà dovute soprattutto alla creazione di umidità e di muffe. Fino a questo momento abbiamo registrato una decina di casi (su circa 760 SAE insediate in Umbria) che andranno velocemente sistemati a Norcia capoluogo, Savelli e Cascia.  Ci sembra evidente che in queste SAE (e non possiamo escludere che problemi del genere possano manifestarsi anche in altri casi) sia l’umidità ed il clima a generare i danni che ci sono stati segnalati – sottolinea Moretti –. Abbiamo immediatamente trasmesso al Dipartimento nazionale della Protezione Civile l’esito dei sopralluoghi ed ora lo stesso Dipartimento, attraverso le imprese che hanno realizzato le SAE, provvederà a sanare le varie situazioni e quelle che eventualmente dovessero ancora manifestarsi con l’arrivo della stagione invernale”.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!