Umbria acque, tassa sui pozzi privati a 5mila cittadini. Cirignoni: “atto arrogante e infondato” - Tuttoggi

Umbria acque, tassa sui pozzi privati a 5mila cittadini. Cirignoni: “atto arrogante e infondato”

Redazione

Umbria acque, tassa sui pozzi privati a 5mila cittadini. Cirignoni: “atto arrogante e infondato”

Ven, 30/12/2011 - 18:15

Condividi su:


Sono circa 5mila i cittadini abitanti negli Ato 1 e 2 che nelle scorse settimane sono stati invitati a pagare una quota fissa alla società Umbria Acque Spa per il possesso di pozzi privati.

A denunciare la vicenda in consiglio regionale è stato oggi Gianluca Cirignoni, capogruppo della Lega Nord, che ha definito la richiesta una sorta di “bolletta extra”,un “atto arrogante, avventato ed oltretutto privo di solide basi normative.

Secondo quanto riferito da Cirignoni, la richiesta di contributo è stata avanzata in base ad una interpretazione sbagliata della normativa in vigore per determinare la tariffa del servizio idrico integrato. “In nessun punto della stessa Convenzione è scritto che la quota fissa sia dovuta anche da chi non usufruisce del servizio acquedotto, ma solo di quello di depurazione e fognatura per il quale paga la relativa tariffa”, ha detto Cirignoni.

Dopo aver esortato “i cittadini soggetti a questa vessazione, ad inviare, prima del 31 gennaio 2012, un reclamo scritto ad Umbra Acque Spa”, il consigliere fa presente che “la carta dei servizi, predisposta dal gestore e prevista dal disciplinare convenzionale sottoscritto nel 2003 dal gestore stesso e dall'allora Aato 1, prevede per Umbra Acque Spa precisi obblighi di trasparenza e puntualità nell'informazione che, non sembra siano stati rispettati verso i 5mila utenti che si sono visti recapitare la bolletta extra”.

Ci auguriamo – conclude il capogruppo della Lega Nord – “che gli Ato 1 e 2, cui compete la determinazione delle tariffe da applicare all'utenza, vogliano quanto prima affrontare la questione facendo desistere il gestore da questa iniqua richiesta. Data l’importanza del servizio gestito invitiamo il gestore a pubblicare nel proprio sito internet i dati previsti dall’art 30 del disciplinare di convenzione concernenti: la gestione del servizio, le perdite di acquedotti e fognature e, in virtù del sacrosanto principio di trasparenza, i dati relativi ai dirigenti, quali i curricula vitae e retribuzione, nonché i tassi di assenza e di presenza di tutto il personale, aggregati per ciascun ufficio dirigenziale”.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!