Uffici Stampa, siglato oggi in regione un protocollo d'intesa sul trattamento dei lavoratori dell'informazione - Tuttoggi

Uffici Stampa, siglato oggi in regione un protocollo d'intesa sul trattamento dei lavoratori dell'informazione

Redazione

Uffici Stampa, siglato oggi in regione un protocollo d'intesa sul trattamento dei lavoratori dell'informazione

Mer, 18/04/2012 - 15:23

Condividi su:


E’ stato presentato stamattina nella sede regionale Anci di Perugia il protocollo d’intesa sugli uffici stampa predisposto dall’Associazione Stampa Umbra e sottoscritto, oltre che dall’Asu, da Anci e Upi regionali e dall’Ordine dei giornalisti dell’Umbria. Ad illustrare i contenuti dell’intesa, alla presenza del segretario aggiunto della FNSI Giovanni Rossi, c’erano la presidente dell’Assostampa Marta Cicci, il presidente dell’Ordine dei giornalisti Dante Ciliani, il presidente di Anci Umbria, il presidente di Upi Umbria e il presidente del Gus Umbria Massimiliano Cinque. Era presente anche il vicepresidente della Provincia di Perugia. Il protocollo impegna le parti a dare concreta attuazione alla legge 150/2000 e ad applicare norme vigenti ed istituti disponibili per dare un riconoscimento professionale ed economico ai giornalisti degli uffici stampa dell’Umbria prevedendo soprattutto, per la prima volta in Italia, un unico profilo professionale corrispondente alla qualità del lavoro e al livello di responsabilità. Secondo Assostampa, Ordine, Anci e Upi è urgente, soprattutto in un momento di così grande difficoltà e di crisi generale, superare le forme di precariato all’interno degli uffici stampa e di prevedere la progressiva trasformazione dei contratti a tempo determinato in contratti a tempo indeterminato attraverso processi di stabilizzazione. Il protocollo d’intesa presentato oggi – hanno sottolineato i firmatari – rappresenta un elemento di grande novità sia in Umbria che a livello nazionale. “Questo protocollo rappresenta sicuramente, anche a livello nazionale, un passo avanti nella tutela dei colleghi che lavorano negli uffici stampa delle pubbliche amministrazioni e che vivono, come troppi purtroppo nella nostra categoria, una situazione di precarietà e di mancato riconoscimento dei propri diritti e delle proprie competenze – ha detto la presidente dell’ASU Marta Cicci. Abbiamo voluto lanciare una sfida alle amministrazioni locali alzando l’asticella del ventaglio di garanzie per i giornalisti del pubblico impiego ed abbiamo trovato una adesione che ha superato ogni più rosea aspettativa. Ora dobbiamo lavorare insieme per dar seguito agli impegni assunti”. Il presidente di Upi Umbria, ha sottolineato l’importanza che, da sempre, le Province hanno attribuito alla comunicazione istituzionale e al ruolo dei giornalisti che lavorano nella pubblica amministrazione. “Con questo Protocollo inoltre – ha aggiunto – andiamo incontro anche alle esigenze dei piccoli Comuni che, come in molti casi, non essendo dotati di una loro struttura, potranno appoggiarsi agli uffici stampa della Provincia”. Anche il presidente di Anci Umbria, dopo aver evidenziato le grandi difficoltà legate alle mancanze di risorse che hanno portato Anci, Upi e Regione Umbria alla firma di un altro protocollo relativo alla gestione, nei limiti del possibile, in modo congiunto del personale, ha evidenziato l’importanza per i piccoli comuni del documento firmato stamani: “La comunicazione istituzionale – ha detto – non è un vezzo degli amministratori. Al contrario, la trasparenza dell’ operato e l’informazione ai cittadini, rientrano tra i principi fondanti della democrazia”. Anche per il presidente dell’Ordine dei giornalisti, Dante Ciliani, le istituzioni hanno la necessità di comunicare con i cittadini e, in particolare in questi scenari sociali e politici in continua evoluzione, informare è, soprattutto, una responsabilità”. Il presidente del Gus, Massimiliano Cinque, dopo aver ricordato che, a monte della firma del Protocollo, ci sono stati cinque anni di duro lavoro, ha affermato che il documento “servirà anche a rilanciare la comunicazione istituzionale in un momento di crisi perché, proprio in questi frangenti, vanno valorizzate le professionalità dei giornalisti che curano gli uffici stampa. Il protocollo – ha aggiunto – definisce un profilo professionale unico è ciò rappresenta una pietra miliare per la crescita professionale della categoria”. Ciò è stato avvalorato dal segretario aggiunto della FNSI Giovanni Rossi, che ha evidenziato come il Protocollo firmato stamani, “rappresenti un esempio positivo di valenza nazionale, assolutamente unico nel panorama nazionale e con caratteristiche avanzate”. Rossi ha anche posto l’accento sulla necessità di dar vita a iniziative congiunte tra giornalisti, amministratori e dirigenti, di formazione legata ai temi dell’informazione.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!