Tutto pronto per la nona edizione di Young Jazz Festival A Foligno dal 22 al 26 maggio - Tuttoggi

Tutto pronto per la nona edizione di Young Jazz Festival A Foligno dal 22 al 26 maggio

Redazione

Tutto pronto per la nona edizione di Young Jazz Festival A Foligno dal 22 al 26 maggio

Ven, 03/05/2013 - 17:01

Condividi su:


Grandi musicisti, italiani e stranieri, ma giovani anagraficamente, sono attesi anche quest’anno allo Young Jazz Festival, in programma a Foligno dal 22 al 26 maggio 2013. Un festival che, pure per la sua IX edizione, ricca anche di importanti novità, conferma le caratteristiche di freschezza, dinamicità ed intraprendenza, sempre nel segno della musica delle “nuove generazioni” e di “nuova generazione”.

Evento unico in Italia – La manifestazione, nel corso degli anni infatti, si è affermata a livello regionale come una delle più innovative e a livello nazionale ed internazionale come l’unico evento nel suo genere nato per dare spazio a giovani artisti e al jazz più contemporaneo. Insomma, Young Jazz è l’unico festival “young” che può contare su un seguito importante e con una sempre straordinaria risposta di pubblico: circa 8mila le presenze nella passata edizione.

Patrocinio di Umbria Jazz – Non a caso, e per il quinto anno consecutivo, anche Umbria Jazz, attraverso la Fondazione di Partecipazione, ha concesso il patrocino alla kermesse folignate. E quest’anno il rapporto tra Young Jazz e l’importante e prestigioso festival jazz umbro si consolida ancora di più: tale collaborazione riserverà altre belle sorprese all’interno del programma di Umbria Jazz 2013 La prossima edizione di Young Jazz Festival, inoltre, sarà l’occasione per riprendere una vecchia collaborazione che la manifestazione aveva già in passato messo in piedi con l’Ambasciata di Norvegia.

Norvegia protagonista – Stavolta sarà proposta un’intera giornata, “Norwegian Day”, con i concerti di artisti norvegesi accompagnati con alcune degustazioni di prodotti tipici del paese scandinavo. Il tutto si svolgerà il 24 maggio, con le esibizioni di artisti come Bjorn Torske, Steinar Raknes, Arve Henriksen, Jan Bang Duo, Sidsel Endresen, Erik Honorè Trio.

Grandi artisi a Foligno – Ad affiancare questo “focus” sulla nuova musica jazz norvegese, il classico cartellone con i concerti di artisti e formazioni come Cristiano Arcelli Quartet; Guano Padano; Mauro Ottolini & Trio Marrano; Rainer Davies Trio; Dinamitri Jazz Folklore. Anche quest’anno non mancherà la street band che si esibirà per le vie del centro storico della città di Foligno: protagonista sarà la P-Funking Band.
La direzione artistica di Young Jazz è affidata ancora a Giovanni Guidi, giovane pianista folignate sempre più inserito nell’olimpo dei grandi pianisti jazz italiani e non solo, oltre che membro dell’Associazione Young Jazz.
“Jazz Community” – Nasce per non dimenticare le tematiche sociali, dando spazio alla disabilità e all’integrazione, con il jazz che diventa la musica che unisce a dà voce a tutta la comunità. Per il suo terzo anno il “jazz della comunità” tratterà sia la disabilitá fisica, attraverso il concerto della Liberorchestra, che mentale, grazie allo spettacolo teatrale dei Giezzisti.2. In questo modo Young Jazz si conferma come uno dei pochi festival, se non l’unico, che propone iniziative come queste che si rivolgono alle categorie più svantaggiate o troppo spesso emarginate della società. Particolare attenzione sarà riservata anche ai bambini, quando al parco dei Canapè ci sarà interazione e integrazione tra piccoli italiani e stranieri – attraverso i “giochi di primavera” promossi dal Comune di Foligno – con lo Spring Jazz in compagnia della P-Funking Band.
“Jazz Zone” – Mira alla costruzione di sinergie tra le attività musicali del festival e quelle commerciali del centro storico di Foligno, in particolare nelle vie dove insistono le location del Festival. Un progetto che va ad arricchire quello passato denominato “Via del jazz” e che mette a disposizione pass/abbonamento e biglietti omaggio per i concerti a coloro che acquisteranno prodotti e merce dai negozianti e commercianti, di via Gramsci (via del jazz) e delle zone limitrofe, che aderiscono all’iniziativa.
Jazz e cultura – Con un cartellone di suggestivi appuntamenti ed iniziative originali, Young Jazz inoltre abbina i concerti alla valorizzazione delle eccellenze del territorio, per promuovere ancora di più l’incontro tra musica, beni culturali, arte ed enogastronomia: grazie quindi a visite guidate nei musei della zona, con ingressi a tariffe promozionali a tutti quelli che si presentano con un biglietto di un concerto di Young Jazz, e ai pacchetti del “Jazz Tour”.
Come partecipare – I biglietti per i concerti del festival sono disponibili online su www.youngjazz.it. Concerti e spettacoli a pagamento: Guano Padano (10 euro), Mauro Ottolini (5 euro); Arve Henriksen/Jang Bang Duo + Sidsel Endresen/Jang Bang/Erik Honorè Trio (10 euro); Bjorn Torse dj set (5 euro); Rainer Davies Trio (5 euro); Giezzisti 2.0 e Liberorchestra (10 euro, entrambi fuori abbonamento). Pass/Abbonamento a 20 euro (15 euro per under 18).

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!