Trasimeno Blues 2011, un weekend di blues dal Missisipi a Corciano, Castiglion del Lago e Passignano - Tuttoggi

Trasimeno Blues 2011, un weekend di blues dal Missisipi a Corciano, Castiglion del Lago e Passignano

Redazione

Trasimeno Blues 2011, un weekend di blues dal Missisipi a Corciano, Castiglion del Lago e Passignano

Sab, 23/07/2011 - 15:46

Condividi su:


Il Blues del Mississippi giunge fino a Corciano domenica pomeriggio, con il concerto di Terry 'Harmonica' Bean & Max Prandi (a partire dalle ore 18), uno dei primi eventi dell'edizione 2011 di Trasimeno Blues, che ha già incassato il record assoluto di visite al suo sito web.

Autentico bluesman del Delta, Terry Harmonica Bean è un chitarrista, armonicista e cantante che incarna con la sua vita e la sua musica l'essenza del Blues rurale, fatta di concerti nei locali dei Paesi più sperduti del Mississippi, del Tennessee e dell'Arkansas e di incroci musicali 'at the crossroads' con vecchi bluesmen quali T-Model Ford e il leggendario Dave Honeyboy Edwards. I suoi dischi “Rockin' In The Dirty South”, Here I Am Baby, Just Messin' Around, sono veri e propri testamenti musicali del Folk-Blues vecchio stile. Non a caso Terry è fra i protagonisti del film documentario del 2008 M for Mississippi: A Road Trip through the Birthplace of the Blues. Terry 'Harmonica' Bean si esibisce annualmente nei prestigiosi Festival di Helena/Arkansas, Memphis e Clarksdale/Mississippi e vive la sua attività come una missione, rivolta a promuovere quella musica che lui da ragazzo ha imparato sulle ginocchia del padre all'interno della comunità locale afro-americana, la cui principale forma di intrattenimento è proprio quella di cantare e suonare i Blues tradizionali.In questo tour italiano sarà accompagnato alla batteria dal nostrano Max Prandi, che condivide con Terry Bean lo stesso gusto nel tramandare i suoni e i ritmi del vecchio Blues e i valori di una forma culturale centrata sull'autenticità e la semplicità.

Sempre domenica, al tramonto, è poi in programma la Cena-concerto di awa ly sulla suggestiva rotonda dell'hotel ristorante lidò di Passignano.

Protagonista musicale della serata sarà la talentuosa cantante, autrice ed attrice Awa Ly, nata a Parigi da genitori senegalesi e che oggi vive in Italia. Dotata di una voce calda ed espressiva Awa Ly propone un repertorio Pop'n'Folk con contaminazioni Blues, Jazz e Soul, basato su un'attenta ricerca di suoni e melodie nuove, che trova perfetta sintonia nell'accompagnamento dell'eclettico chitarrista Valerio Guaraldi. Ispirata dall'ambiente multiculturale in cui è vissuta, Awa propone un viaggio intimo e coinvolgente tra razze e culture diverse, cantando in inglese, portoghese, francese, italiano e senegalese. Scoperta dal programma di Radio1 Rai DEMO di Michael Pergolani e Renato Marengo, Awa può contare fra le sue collaborazioni canore artisti del calibro di Dominic Miller, Sergio Caputo, Giorgio Conte, Fausto Mesolella e molti altri. Modulated (Road House Music – 2010) è il suo primo album da solista, dodici brani che raccontano storie e sentimenti semplici della vita, con rabbia, dolcezza e talvolta melanconia, ma sempre con grande emozione e sincerità. Posizionato su una linea Pop'n'Folk che gode comunque delle contaminazioni dalla scena Jazz e Blues, l'album vanta la complicità di straordinari musicisti e la partecipazione straordinaria di special guest quali Tuck and Patti, Greg Cohen e Fabrizio Bosso. Awa è stata notata anche dal mondo del cinema e della televisione e chiamata a recitare nei film Nessuno mi può giudicare di Massimiliano Bruno, “La nostra vita” di Daniele Lucchetti, “La prima linea” di Renato De Maria, “Venti Sigarette” di Aureliano Amadei, “Bianco e Nero” di Cristina Comencini, la fiction “Donna detective 2” su Rai Due.

La domenica di concerti si chiude infine a mezzanotte alla Darsena Bar Caffè di Castiglione del Lago con The Cyborgs, band rivelazione della scorsa edizione.

The Cyborgs è una two man band che ama definire il suo genere un Electro-Funk- Blues. Il progetto musicale del duo è molto originale e prende le mosse, come è noto nel genere, da alcuni bluesmen dagli anni '30 e fino ai '60, proponendo, in chiave moderna e roots nello stesso tempo, alcuni dei loro brani. Questa in breve è la loro storia: siamo nel 2110, non c'è più musica nel mondo, non c'è più Blues. I The Cyborgs stanno tornando indietro di secolo in secolo per raccogliere informazioni, cantare le proprie canzoni che denunciano quello che è il loro presente, per cercare di cambiarlo. Il punto è questo: indossano le maschere o sono proprio così come appaiono? E quindi quanto c'è di umano nei loro corpi? Questi quesiti sono tuttora irrisolti, quello che è sicuro è che si collegano all'elettricità per un viaggio che è vivo da 100 anni e oltre: il Blues. Cyborg-0 canta e suona la chitarra con il suo pollice destro in continua percussione. Cyborg-1 suona i bassi della tastiera con la mano destra e la batteria con i restanti arti del suo strano corpo.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!