Torna a Perugia la popolare Fiera dei Morti, dall’1 al 5 novembre

Torna a Perugia la popolare Fiera dei Morti, dall’1 al 5 novembre

Oltre la consueta location di Pian di Massiano, confermata l’estensione anche nell’acropoli cittadina


share

Dall’1 al 5 novembre torna la tradizionale Fiera dei Morti, che anche per quest’anno, avrà tre sedi: in Piazza Umbria Jazz a Pian di Massiano, in Piazza del Bacio a Fontivegge e in centro storico, tra Corso Vannucci, via Mazzini, Piazza Matteotti e Piazza IV Novembre.

Tra le principali novità di questa edizione vi è senz’altro la presenza, a Piazza del Bacio, delle Pro Loco del perugino e dell’Umbria, che promuoveranno i bellissimi borghi della regione e animeranno la piazza con un ricco programma di iniziative per grandi e piccoli.

Se, dunque, a Pian di Massiano si potrà trovare la più ampia offerta di prodotti per la persona e per la casa, erboristeria, ferramenta, accessori auto, giocattoli, prodotti agroalimentari in genere, con oltre 500 espositori, in Centro saranno 80 gli standisti, coordinati dal Consorzio Perugia in Centro e dall’associazione Farefacendo, presenti con i loro prodotti di artigianato e di enogastronomia di qualità, comprese le eccellenze delle Città gemelle di Perugia. Piazza del Bacio diventerà, infine, luogo di valorizzazione delle tantissime piccole realtà della regione, grazie ad Unpli Comitato Locale del Perugino e alla presenza di 60 tra Pro Loco, associazioni, artigiani e aziende locali. Per l’intera durata della manifestazione, la piazza sarà animata da esposizioni e attività di vario genere, finalizzate a far conoscere le tradizioni locali, la cultura dei piccoli borghi, la loro enogastronomia.

Per facilitare la visita a tutte e tre le location della Fiera, è confermato anche per quest’anno il biglietto Unico Perugia “Giornaliero fiera dei Morti” per autobus e Minimetrò a 3,50 euro, valido per 24 ore (dalla prima convalida), utilizzabile da un adulto ed un bambino al di sotto di 12 anni (fino ad un massimo di 1 minore per ciascun adulto).

Tutte le novità e il programma della Fiera dei Morti 2018 sono state presentate martedì 23 ottobre nel corso di una conferenza stampa che si è tenuta nella Sala Rossa di Palazzo dei Priori. Aprendo l’incontro, l’assessore al Commercio, Artigianato e Mobilità Cristiana Casaioli ha parlato di “un appuntamento importantissimo perché la Fiera dei Morti è l’evento che caratterizza più di ogni altro la nostra città. Si tratta, infatti, di un’iniziativa che promana da una tradizione storica risalente al Medioevo, quando i cittadini del contado portavano i loro prodotti nel centro storico”.

L’assessore ha tenuto a precisare che la fiera, come tutte le altre che si tengono nel territorio perugino nel corso dell’anno, è cresciuta nel tempo grazie ad un’opera di attenta riqualificazione voluta dall’Amministrazione. In particolare la Fiera dei morti, già presente a pian di Massiano e nel centro storico, nel tempo si è arricchita con l’aggiunta di piazza del Bacio e “con un sistema di mobilità sostenibile particolarmente appetibile per i cittadini”.

Casaioli ha confermato che le tre aree in cui la fiera si snoda hanno caratteristiche diverse l’una dall’altra: la più classica e tipica è a pian di Massiano, in piazzale Umbria Jazz, dove saranno presenti 518 operatori provenienti da tutta Italia che proporranno ogni genere di prodotto. La fiera del centro storico si caratterizza, invece, per l’eccellenza dei prodotti italiani ed internazionali (città gemelle in piazza IV Novembre) oltre per la qualità dell’artigianato. Il tutto all’interno di stand che ben si adattano alla convivenza con le bellezze architettoniche dell’acropoli.

In centro storico la fiera dei morti è stata organizzata in collaborazione con il Consorzio Perugia in Centro rappresentato in conferenza stampa dal presidente Sergio Mercuri.

Mercuri ha confermato che in questi anni la collaborazione con l’Amministrazione è stata molto stretta e continua: Anche nel 2018 il rapporto è stato intenso e ha consentito di organizzare un’edizione della fiera particolarmente appetibile, “perpetuando una tradizione secolare che da 10 anni a questa parte, con il ritorno in centro, è stata recuperata”.

La presenza nell’acropoli, ovviamente, va letta in chiave moderna, ma con una connotazione tradizionale che consente agli stand di adattarsi al meglio alle bellezze architettoniche che caratterizzano la parte storica della città. Come detto dall’assessore, Mercuri ha confermato che “rispetto agli anni passati, nell’edizione 2018 ci sarà un ulteriore miglioramento della qualità dell’offerta, visto che, grazie a un attento monitoraggio e studio, sono state corrette tutte le criticità e, dunque, sono stati proposti stand e prodotti di altissima qualità”.

In confronto alle precedenti edizioni, infine, sarà proposta un’assoluta novità, ossia la presenza all’interno del centro camerale Alessi di via Mazzini dei birrifici artigianali umbri.

“L’auspicio – ha commentato Mercuri in conclusione di intervento – è che i perugini possano tornare a vivere il centro e che, nel contempo, la fiera sia in grado di attrarre quel turismo di cui la città ha tanto bisogno”.

La terza piazza, ultima arrivata in ordine di tempo 4 anni fa, è piazza del Bacio, sita in un’area su cui l’Amministrazione comunale ha inteso lavorare fin dall’inizio del mandato con l’obiettivo di porre l’attenzione su una parte del territorio che ha bisogno di rinascere. Quest’anno in piazza del Bacio l’offerta sarà del tutto innovativa: grazie alla collaborazione con l’Unpli si è scelto di portare le tipicità delle proloco del territorio, per riprendere in qualche modo le tradizioni di una volta. Dunque lì ci sarà una fiera tipicamente umbra ove le proloco potranno illustrare le caratteristiche dei territori rappresentati.

Insomma un’offerta a 360 grazie per consentire ai perugini ed ai turisti di vivere al meglio la città dal 1 al 5 novembre.

In rappresentanza dell’UNPLI, Comitato locale del Perugino, ha partecipato alla conferenza stampa il presidente Antonio Pucci, che in avvio ha voluto ringraziare l’Amministrazione per aver concesso alle proloco questa possibilità, subito accolta con grande piacere. L’obiettivo è di proseguire lungo un percorso intrapreso da tempo, ossia quello della collaborazione e del dialogo per ottenere risultati sempre migliori. “Il compito delle proloco – ha precisato Pucci – è storicamente quello di portare avanti le tradizioni ed i valori sociali dei territori di riferimento. Per questo essere chiamati a rappresentare questi valori è stimolante soprattutto perché ciò avverrà all’interno della festa che più di tutte le altre caratterizza la storia di Perugia”.

Con soddisfazione Lupi ha annunciato che in piazza del Bacio non saranno presenti solamente le proloco del Perugino, ma anche quelle provenienti da Norcia e dallo Spoletino, a conferma della volontà di Unpli ed Amministrazione di estendere la platea dei partecipanti, valorizzando le tipicità del territorio umbro.

PROGRAMMA – La Fiera dei Morti si conferma anche quest’anno una delle esposizioni più importanti del Centro Italia, sicuramente dell’Umbria per numero di espositori e varietà dell’offerta.

A PIAN DI MASSIANO la fiera resterà aperta dalle 9 alle 21 tutti i giorni. 518 sono gli espositori situati nell’ampia area di Piazza Umbria Jazz, con una varietà di offerta che spazia dai prodotti per la persona (abbigliamento, biancheria, calzature, bigiotteria, profumeria, abbigliamento sportivo, caccia e pesca), a quelli per la casa (biancheria, casalinghi, libri, quadri e stampe, tappeti), dall’erboristeria, ferramenta, giocattoli e accessori auto ai prodotti agroalimentari del territorio.

Come ogni anno, a Pian di Massiano saranno presenti con un proprio spazio anche l’Associazione G.B. Vermiglioli che ripropone l’annullo filatelico sulle cartoline commemorative della Fiera dei Morti, immancabile per appassionati e non, e l’A.C. Perugia Calcio, a disposizione con info, gadget e intrattenimento per i tantissimi tifosi della squadra di casa. Saranno presenti con finalità informative e di raccolta fondi anche altre associazioni, quali Emergency, Croce Rossa Italiana, Unitalsi, Comunità Passionista di Montescosso, Fontenuovo Fondazione Onlus, Associazione Perugina di Volontariato e Banda 4 Zampe Onlus.

IN CENTRO STORICO, sede originaria della Fiera, tornata ad ospitarla già da qualche anno, il pubblico potrà conoscere ed apprezzare i prodotti dell’artigianato di qualità e le eccellenze enogastronomiche italiane e internazionali, grazie anche alla presenza delle Città gemelle di Perugia.

Corso Vannucci e via Mazzini saranno, dunque, le vie dedicate all’artigianato, con lavorazioni di pellame, abbigliamento e accessori, tessile per la casa e completi d’arredo. E ancora, ceramica, gioielli, oggettistica, piante. Un’ampia street food area sarà aperta, invece, in Piazza Matteotti, dove si potrà spaziare tra i piaceri della tavola tipici di diverse regioni italiane, da mangiare subito o da portarsi a casa. Infine, in Piazza IV Novembre saranno ospitate le Città gemelle di Perugia con i loro immancabili colori e sapori. Così da Aix-en-Provence arriveranno a Perugia le profumatissime spezie, la raffinata lavanda, tessuti e biancheria per la casa e gli immancabili formaggi. Non mancheranno neanche paté e mostarde.

Gastronomia tipica anche da Bratislava, formaggi e würstel in testa, ed ancora artigianato tipico della Slovacchia, dai gioielli alle uova colorate, alle lavorazioni con foglie di mais alle tante idee regalo per Natale.

Da Potsdam arriveranno i tipici tessuti Blaudruck, tinti a mano nell’indaco, secondo un’antica tradizione, mentre da Tubingen, sete dipinte a mano e oggetti natalizi insoliti e raffinati.

Infine, provenienti da Seattle, che con Grand Rapids ha festeggiato il 25esimo anniversario del Gemellaggio con Perugia nei giorni scorsi, saranno in Piazza IV Novembre tante curiosità tipiche degli Stati Uniti.

In centro la Fiera resterà aperta tutti i giorni dalle 10 alle 20. Nello stesso orario non mancherà la suggestiva presenza di Ferents il Pifferaio, l’artigiano umbro-ungherese che farà risuonare le vie e le piazze con i suoi strumenti musicali antichi, ricavati dalle galle di quercia.

Inoltre, il 3 e 4 novembre ci sarà spazio per l’Umbria della Birra al Centro Servizi Galeazzo Alessi.  I Birrifici artigianali umbri presentano le loro eccellenze durante due giorni all’insegna di degustazioni guidate di birre artigianali, piatti e icette a base di birra e live music. L’ingresso è libero e gratuito.

FIERA DEI MORTI AL BACIO, infine, nell’omonima piazza di Fontivegge che, per l’occasione, diventa luogo di promozione e valorizzazione delle eccellenze del territorio, grazie alla collaborazione di UNPLI Comitato locale del Perugino. Saranno dieci le Pro Loco presenti in Piazza del Bacio, ovvero Mugnano, Ripa, Sant’Enea, Civitella d’Arna, Fontignano, Baiano, Spoleto, Spina di Campello, Norcia. Molte di più quelle che hanno contribuito alla realizzazione della mostra “Vecchio contado: la tradizione delle campagne umbre”, che resterà aperta per l’intera durata della Fiera, con esposizione di attrezzature, utensili, oggetti antichi, capaci di raccontare la storia del territorio (in collaborazione anche con il Comune di Corciano).

Del resto, la Fiera nasce in epoca medievale -inizialmente era dedicata alla festività di Ognissanti e solo nell’800 prende il nome attuale di Fiera dei Morti- proprio con la funzione di scambio dei prodotti delle campagne e del bestiame.

A raccontare la storia della Fiera dei Morti in tempi più recenti sarà un’altra mostra, a cura dell’associazione G.B. Vermiglioli con l’esposizione delle cartoline della Fiera dal 1996 ad oggi.

Particolarmente ricco anche il calendario di iniziative organizzate per animare la piazza, che andranno ad affiancare la presenza di spazi espositivi -circa 60- con prodotti tipici di ciascuna località e artigianato a cura delle associazioni Creattività, L’Ingegno e Api, di aziende locali e professionisti.

In particolare, Giovedì 1 novembre, in occasione dell’inaugurazione ufficiale, le Pro Loco di Ripa e Pro Arna daranno vita a scene di vita contadina, mentre i 5 artisti della Casa degli Artisti si adopereranno per realizzare in estemporanea un dipinto su tela, iniziando il 1 Novembre alle ore 11,30 per poi proseguire tutti i giorni alle 17,00.

Il programma di Piazza del Bacio prevede anche laboratori per bambini a cura della Casa degli Artisti e dell’associazione Comunità Amici de Los Andes, che proporranno anche un momento di confronto culturale con poesie e folklore di quelle terre.

Domenica 4 novembre alle 11 la piazza ospiterà il Raduno di moto e vespe d’epoca a cura di Vintage Motors Club, seguito, nel pomeriggio da un’esibizione di Street Dance a cura del Centro Danza e Una Inn Progress Atelier. A chiudere, lunedì 5 novembre alle 15,30 l’esibizione del coro degli alunni dell’Istituto comprensivo Perugia 1, con canti dedicati alla memoria del 4 Novembre, a cura di AGCU Associazione Cori Giovanili dell’Umbria.

L’inaugurazione ufficiale delle tre aree di fiera è prevista per Giovedì 1 novembre alle ore 10 a Pian di Massiano, a seguire, intorno alle 11,15 circa a Fontivegge, per chiudere poi alle 12 in centro storico.

Gli orari di esercizio del minimetrò in occasione della Fiera dei Morti sono: – Giovedì primo novembre: 08.30 – 21.15 (ultima corsa), – Venerdì 2: 7.00 – 21.05 (ultima corsa), – Sabato 3: 7.00 – 22.45 (ultima corsa), – Domenica 4: 9.00 – 20.45 (ultima corsa), – Lunedì 5: 7.00 – 21.05 (ultima corsa). La sosta, invece, avrà il costo di 3,50 per 5 ore nei parcheggi Fonti di Veggio, Bellocchio e Autosilo dell’area di Fontivegge.

share

Commenti

Stampa