Todi, un anno di amministrazione | Il punto dell’opposizione - Tuttoggi

Todi, un anno di amministrazione | Il punto dell’opposizione

Redazione

Todi, un anno di amministrazione | Il punto dell’opposizione

“I Progetti Lasciati in Eredità dall’Amministrazione di Centrosinistra, un anno di governo di Centrodestra, le Prospettive Future per Todi”
domenica, 05/08/2018 - 09:06

Condividi su:


Todi, un anno di amministrazione | Il punto dell’opposizione

Pensando al bene della nostra città, non possiamo che essere lieti che il lavoro svolto dall’Amministrazione di Centrosinistra, che ha governato Todi dal 2012 al 2017, ha dato ottimi risultati e siamo addirittura stupiti che ancora oggi, con una giunta di segno opposto, la maggior parte dei lavori in atto, sono frutto della nostra progettazione.

Il lavoro svolto in quegli anni di programmazione e finanziamento ha riguardato più assi e settori.

Solo per parlare di progetti che sono in esecuzione in questo momento citiamo la Sala Affrescata di Via Del Monte, la Piazza delle Arti e la Palestra della Scuola di Ponterio e i Lavori dei Palazzi Comunali.  

Il restauro degli Affreschi di Via del Monte fa parte di una progettazione finanziata  dalla Regione Umbria per gli Attrattori Culturali. La riqualificazione riguarderà inoltre le Cisterne Romane, i Portici Comunali, Ex Convento delle Lucrezie, le Chiese di San Antonio con quella della Trinità ed il Parco Beverly Pepper. Quest’ultima opera darà nuovo lustro alla Rocca che finalmente avrà la sua giusta valorizzazione. Lasciateci comunque sottolineare il rammarico nel vedere l’attuale stato di abbandono, in cui attualmente, la Rocca viene lasciata.

Anche la collaborazione con GSE parte da lontano e rivendichiamo con forza che grazie a questo supporto si potrà terminare l’efficientamento energetico e dei lavori che riqualificheranno Palazzo del Popolo, i Palazzi Comunali tra cui Palazzo dei Priori ed Ex Eca, la Scuola Media Cocchi e altre scuole della nostra città.

In questi giorni l’attuale Amministrazione sta girando per i borghi sventolando ai quattro venti i lavori di alcuni centri frazionali.

Siamo lieti che il centrodestra confermi che avevamo lavorato bene! Siamo convinti che i cittadini di Ripaioli, Cecanibbi e Montemolino apprezzeranno il lavoro che porterà al rifacimento delle piazze, grazie al finanziamento da parte del GAL. Si è dimostrata una scelta felice quella della Regione Umbria che  ha destinato una parte dei  finanziamenti europei per il PSR ai GAL, per il recupero dei centri storici rurali.

E’ nell’interesse della Città che i finanziamenti richiesti ed ottenuti per il Vecchio Cimitero Urbano e per la Scuola di Collevalenza (contributi per 2 milioni di euro) siano utilizzati al meglio.

La collaborazione che ci ha visti protagonisti con enti sovracomunali di tutti i livelli e con le partecipate che gestiscono vari servizi, ci permetterà di avere a breve una nuova viabilità a Pantalla per l’Ospedale, di eseguire dei lavori per nuovi loculi al cimitero di Casemasce (totalmente finanziati dal CIPE per 210000,00€) e, grazie al lavoro del Sindaco Rossini, un nuovo arredo urbano per Piazza del Popolo finanziato dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia per una somma di 100000,00€.

Grazie alla dettagliata e puntuale analisi delle criticità nelle nostre frazioni, fatta dall’Amministrazione di Centrosinistra, sono nati numerosi progetti atti a risolvere tali problematicità. Molti degli interventi eseguiti sono stati provvidenziali, ma ne abbiamo lasciati molti in eredità a questa Amministrazione. Ad esempio la pianificazione dei lavori di una Nuova Linea idrica a Vasciano e Montenero oltre  quella per Casemasce, Torreluca e Quadro che avranno il Collegamento alla Pasquarella, fanno parte di una dettagliata progettazione fatta dalla Giunta precedente.

La collaborazione tra enti, ha portato all’installazione delle Fontanelle a Pantalla dopo quella di Cappuccini e prima ancora a Ponterio.

L’ottima gestione delle risorse fatta in passato, la già citata progettazione e tutti gli studi di fattibilità già eseguiti per le strade comunali ed i cimiteri, stanno permettendo a chi governa in questo momento Todi di avere grandi possibilità di manovra.

Un bilancio in equilibrio e sano è il primo passo per rispondere alle esigenze della città. Il lavoro svolto nei confronti dell’evasione fiscale ha dato risultati positivi ed inattesi. Si parla di 400.000,00€ che ora sono nelle casse comunali e che prima erano evasi.

La triste vicenda del parcheggio interrato del Mercataccio, progetto irrealizzabile della prima era Ruggiano, finito in tribunale, ci ha imposto di stanziare una somma adeguata in caso di esito negativo della controversia nei confronti del Comune. Alla fine, tutto è andato nel migliore dei modi ed ora, quei soldi accantonati, sono nelle disponibilità di bilancio (parliamo all’incirca di 350000,00€).

Anche per quanto riguarda le attività culturali ed eventi tutto rimane come era stato impostato: il Todi Festival, Il Calcetto, Todi la Città degli Arcieri, Il Natale a Todi, la collaborazione con il Teatro Stabile dell’Umbria…

Se ad un anno dall’avvento dell’Amministrazione di centrodestra si scorpora ciò che era stato già lasciato d’impostato dall’Amministrazione precedente… cosa rimane?!

Rimangono solo provvedimenti e prese di posizione che non fanno altro che isolare Todi, continuamente alla ribalta Nazionale per il pessimo governo della città! Le scelte messe in campo a firma Ruggiano si dimostrano inadeguate e arretrate, come quella di bloccare il processo di accorpamento dei due enti cittadini (ETAB e Veralli Cortesi). Anche gli eventi e le attivitàpubbliche non ereditate dai precedenti amministratori, si dimostrano essere fortemente dequalificanti per la proposta culturale di Todi e, per le casse comunali, un cospicuo sperpero di soldi pubblici.

Oltre questo, non c’è in vista nessuna nuova opera pubblica per l’urbe o per le frazioni.

Todi ha bisogno che le migliori energie si mettano in gioco e scendano in campo per dare un’alternativa a questa maggioranza. Forze politiche, associazioni, società civile, volontariato e tutti coloro che vorranno far parte di  un Disegno per la Rinascita della Città,  in questi anni dovranno Fare Squadra. Siamo pronti al confronto per fare fronte comune e per creare un nuovo progetto, una nuova visione, dove tutti possano dare il proprio contributo in un clima di dialogo ed inclusione.

Serviranno le migliori teste e braccia per ridare dignità alla nostra comunità.


Condividi su:


Aggiungi un commento