"The Economy of Francesco" il video messaggio dei giovani al Papa - Tuttoggi

“The Economy of Francesco” il video messaggio dei giovani al Papa

Redazione

“The Economy of Francesco” il video messaggio dei giovani al Papa

"Noi non ci fermiamo" la promessa dei ragazzi provenienti da tutto il mondo | L'appuntamento ad Assisi era stato spostato al 21 novembre subito dopo l'inizio dell'epidemia del coronavirus
Sab, 28/03/2020 - 18:50

Condividi su:


“The Economy of Francesco” il video messaggio dei giovani al Papa

“Ci saremmo incontrati ad Assisi per The Economy of Francesco, evento che si è dovuto rimandare a novembre per l’emergenza globale causata dal coronavirus”.

Inizia così la lettera, accompagnata da un emozionante video, inviata dai giovani partecipanti di Economy of Francesco al Santo Padre nella data in cui era previsto ad Assisi l’incontro per parlare di economia con “l’anima”. Evento spostato ora al 21 novembre.

Avresti conosciuto il lavoro di noi giovani che abbiamo risposto con generosità̀ ed entusiasmo al tuo appello. Avresti ascoltato le nostre storie di cambiamento: Diego e il suo eco-villaggio in Brasile, Samer dal Libano che ha inventato una piattaforma per il lavoro senza barriere, Andrea il giovane economista con il “cuore da medico”. E ancora, fra gli altri, avresti ascoltato la sfida del micro-credito di Myriam in Uganda, l’azera Turkan che fa ricerca sui temi della disparità di genere e Lilly, la giovanissima attivista thailandese che si batte contro la plastica. Avremmo ascoltato le tue parole per poi condividere insieme un patto sulla Tomba di San Francesco.

🗓March 28 • #shortenthedistance The young coordinators of the event did not want to miss this date and have prepared a message of fraternity and hope:Today, more than ever, we want to increase our commitment. When the emergency will come to an end, we will still be committed to build up our common future… together.

Publiée par The Economy of Francesco sur Samedi 28 mars 2020

Ma oggi anche The Economy of Francesco e le tante persone che stanno lavorando a questo processo attraversano il dolore e la complessità della crisi mondiale. Anche noi viviamo questo tempo come una lunga Quaresima, come un lungo Sabato Santo, che è il tempo del silenzio, dell’attesa, ma anche della cura e degli aromi sui corpi feriti, in attesa della resurrezione. Il Sabato Santo è il tempo di Maria, delle donne, della loro diversa economia, che è economia di relazioni prima che di denaro e ricchezza.

Noi non ci fermiamo. La crisi internazionale dovuta al coronavirus mostra ancora una volta come tutto sia interconnesso. Alla luce di questa esperienza drammatica, l’appuntamento che ci hai dato appare ancora più urgente e profetico. Da parte nostra, moltiplicheremo l’impegno, integreremo i temi, organizzeremo eventi ed incontri nelle forme possibili, coinvolgeremo altre voci e sensibilità. Incontrarsi sarà ancora più bello, per noi e per il mondo che ora più di ieri attende una economia diversa, a misura d’uomo.

Queste poche righe, caro Papa Francesco, per portarti l’abbraccio che oggi ti avremmo dato ad Assisi. Siamo certi che continuerai ad accompagnarci in questo cammino con la tua presenza e la tua preghiera, di cui abbiamo bisogno e di cui ti ringraziamo, sempre.

Arrivederci ad Assisi il 21 novembre.

A nome dei 2000 giovani dei 5 continenti – Valentina Rotondi, Valquíria Ribeiro, Domenico Rossignoli, Lourdes Hércules, Giacomo Ciambotti, Klaus Raupp, Federica Nalli, Giandonato Salvia, Giorgia Nigri, Joseph Hili, Giulia Gioeli, Giulia Santi, Jean Claude Rugigana, Loredana Persamperi, Maurizio Pitzolu, Ziwei Min, Paolo Santori, Giada Rosignoli, Jena Espelita, Alessio Lanfaloni, Roberta Sferrazzo, Valentina Cattivelli, Steve William Azeumo, Andrea Roncella, Amine Sahnouni, Chiara Pancino, Florencia Locascio, Maria Gaglione.

Per il comitato organizzatore – Mons. Domenico Sorrentino, Luigino Bruni, Stefania Proietti, Francesca Di Maolo e le Famiglie Francescane.


Condividi su: