“Tesori dell’Urbe”, 1° appuntamento con Unitre Orvieto alla scoperta di San Giovenale - Tuttoggi

“Tesori dell’Urbe”, 1° appuntamento con Unitre Orvieto alla scoperta di San Giovenale

Redazione

“Tesori dell’Urbe”, 1° appuntamento con Unitre Orvieto alla scoperta di San Giovenale

Visita agli affreschi restaurati nelle chiesa priorale a cura di Associazione “Pietre Vive” e Diocesi di Orvieto-Todi, col patrocinio del Comune
Mar, 05/03/2019 - 10:19

Condividi su:


“Tesori dell’Urbe”, 1° appuntamento con Unitre Orvieto alla scoperta di San Giovenale

Il nuovo appuntamento con “Tesori dell’Urbe”, promosso stavolta dall’Unitre in collaborazione con l’Associazione “Pietre Vive” e la Diocesi di Orvieto-Todi, col patrocinio del Comune e in agenda per Giovedì 7 Marzo 2019 alle ore 16:45, condurrà alla scoperta della Chiesa Priorale di San Giovenale. Qui la Ditta Ikuvium di Gubbio e la Prof.ssa Maddalena Ceino guideranno un’interessante visita alla scoperta di una delle chiese più longeve edificate in Orvieto (se ne ha notizia dal 1004) che in antico ha dato anche il nome al rione ove si trovava estendendo i suoi territorio anche sotto la rupe.

Costruita a tre navate, conserva in parte il suo stile gotico romano; la navata centrale è sorretta da pilastri cilindrici, sui quali i recenti lavori di restauro hanno riportato all’antico splendore la parte affrescata. La chiesa fu realizzata inizialmente in stile romanico e rimaneggiata nel trecento, seguendo dettami gotici. Allo stato attuale, presenta una facciata semplice, realizzata con conci di tufo squadrati a vista; il portale con arco a tutto sesto ha ormai perso l’architrave, appoggiato di fianco al campanile, di cui è ancora visibile la linea di copertura; lungo tutto il perimetro sono visibili le caratteristiche decorazioni ad arcatelle cieche. La torre campanaria, eretta sul lato sinistro della facciata e più volte danneggiata dai fulmini, ha subito nella parte alta molti rifacimenti.

L’interno della chiesa conserva, inoltre, affreschi di scuola orvietana che il recente restauro, diretto e portato a termine dalla Soprintendenza per i Beni Storici, Artistici, Etnoantropologici dell’Umbria, utilizzando fondi messi a disposizione dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, con risorse derivanti dall’8xmille, restituisce in una nuova visione di insieme nell’edificio sacro. Saranno spiegate le fasi del restauro e commentate dalla lettura critica. L’appuntamento è in Via Volsinia II, 2.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!