Terremoto, Norcia ricorda e riparte con 29 progetti | Foto - Tuttoggi

Terremoto, Norcia ricorda e riparte con 29 progetti | Foto

Sara Cipriani

Terremoto, Norcia ricorda e riparte con 29 progetti | Foto

Dom, 31/10/2021 - 20:06

Condividi su:


Norcia ha ricordato il terremoto del 30 ottobre 2016 con una serie di iniziative a partire dalle 7,40, ‘L’ ora del sisma’ in Piazza San Benedetto alla presenza del Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Valentina Vezzali, del Capo Dipartimento di Protezione Civile Fabrizio Curcio, del Commissario di Governo alla Ricostruzione Giovanni Legnini, della Presidente della Giunta Regionale Donatella Tesei, del Prefetto di Perugia Armando Gradone, del vice presidente della Provincia di Perugia Sandro Pasquali e del Sindaco Nicola Alemanno che ha fatto gli onori di casa. Presenti anche parlamentari umbri, tra cui la senatrice Emma Pavanelli, consiglieri ed assessori regionali (Paola Agabiti e Enrico Melasecche) e rappresentanti delle forze dell’ordine e forze armate.

La giornata è iniziata con una preghiera ai piedi del monumento a San Benedetto, officiata dal Parroco Don Marco Rufini, alla presenza dei Monaci Benedettini guidati dal priore Benedetto Nivakoff .

Ricostruire la città dopo il terremoto

Subito dopo, al Centro di Valorizzazione, è stato inaugurata la mostra virtuale sui progetti “Per una città che si ricostruisce” che rimarrà aperta fino a martedì 2 novembre dalle ore 10 alle 13 e dalle 15 alle 18.

Ventinove progetti tra cui il palazzo Municipale, per il quale il prossimo 2 novembre scadrà il termine per la presentazione delle offerte per i lavori, il museo della Castellina, il teatro, l’ospedale, la residenza per gli anziani Ipab “Fusconi, Lombrici, Renzi”, il nuovo Polo Scolastico, le mura urbiche con il restauro di Porta Romana e Porta Ascolana e le chiese con la Concattedrale di Santa Maria e la Basilica di San Benedetto.
Questo è l’anniversario più importante dal terremoto. Con questa iniziativa vogliamo fare in modo che tutti possano conoscere nel dettaglio i progetti in cantiere che segneranno la rinascita della nostra città – ha detto il Sindaco -. La ricostruzione privata ha avuto un’ importante accelerazione. Per il nostro comune ci attendiamo orientativamente 2500 pratiche di ricostruzione; ad oggi ne abbiamo autorizzate circa mille di cui 860 decreti, tra cui 600 cantieri partiti e 350 conclusi. In questi mesi abbiamo lavorato incessantemente di concerto con tutte le istituzioni affinché la semplificazione delle norme possa consentire anche la partenza decisa per la ricostruzione pubblica. Garantire il diritto all’opzione per i nostri giovani è la priorità e il nostro lavoro è orientato affinché possano scegliere di poter rimanere qui” ha concluso Nicola Alemanno.

Un momento della conferenza stampa: da sx il Sindaco Alemanno, la Governatrice Tesei, il giornalista Sensini e il Commissario Legnini (a dx)

Qui sono di casa, qui mi sono allenata per preparare tutte le gare, in ultimo le Olimpiadi di Londra – ha esordito il Sottosegretario Vezzali -. Ho trovato una città ferita dal terremoto ma non abbattuta; vi assicuro l’impegno e la vicinanza del Governo, come detto dal Presidente Draghi. Norcia deve tornare ad essere città dello sport e predisporremo interventi per far si che questo avvenga. Mi auguro di poter tornare presto, magari ad inaugurare una palestra”.
Oggi siamo qui non solo per ricordare ma anche per presentare progetti concreti. La ripresa della comunità è l’obiettivo della ricostruzione materiale e immateriale” ha dichiarato Curcio che il giorno prima ha consegnato i diplomi ai volontari che hanno conseguito il Corso Base di Protezione Civile e che costituiranno il nuovo gruppo di protezione civile comunale.
La ricorrenza di un anniversario è anche occasione per fare un bilancio di quanto è stato fatto e di quanto resta da fare, vista la complessità di un cratere ampio quale è quello del Centro Italia.
Il nostro obiettivo finale è fare in modo che con le risorse del PNRR si ricostruisca una Comunità in cui si coniughino i servizi con le opportunità di vita” ha detto la Tesei.

Terremoto e superbonus, l’appello al Governo

Il Commissario Legnini si è invece soffermato sull’ importanza della “puntualità, serietà e verificabilità delle risposte da dare ai cittadini per quanto riguarda la ricostruzione, ovvero dire quando si inizia e quando si finisce. Non può accadere che le imprese, intanto, facciano lavori per il ‘Bonus 110′ in giro per Italia e poi inizino a lavorare per la ricostruzione. Per scongiurare che ciò accada è dunque necessario coniugare ricostruzione e Superbonus che oltre a rendere gli edifici più sicuri e sostenibili, è il modo migliore per onorare le vittime del terremoto e le sofferenze dei cittadini causate dai ritardi che stiamo cercando di recuperare con la semplificazione delle norme”. Tornando così a sollecitare il Governo, finora inamovibile, quanto già affermato nei giorni scorsi a Camerino nell’ambito delle celebrazioni promosse dall’Anci quando ha chiesto il rifinanziamento del superbonus.

Un’auto per Norcia

Al termine è stata annunciata la concessione in uso gratuito al Comune di una  autovettura da parte dell’ Agenzia delle Dogane e dei Monopoli. A rappresentare l’Agenzia fiscale era presente l’ingegnere  Benedetto Tavoni, responsabile dell’Ufficio provinciale di Perugia in rappresentanza del Direttore Territoriale di Toscana, Sardegna e Umbria, il dottor Roberto Chiara.

L’ingegnere Benedetto Tavoni con il Sindaco Alemanno

Il Direttore Generale, accogliendo la richiesta del Sindaco, ha acconsentito a concedere in uso gratuito una autovettura per le esigenze dei due organismi comunali. ​Un gesto simbolico di vicinanza alla comunità, reso ancor più particolare perché la autovettura avrà una placca con riportata la dicitura “Mezzo confiscato per operazione di contrasto agli illeciti valutari”. L’Agenzia infatti ritiene di assoluta importanza contribuire al riutilizzo dei beni confiscati in uno spirito di leale collaborazione tra amministrazioni dello Stato” ha concluso Tavoni. Annuncio salutato da un lungo applauso del pubblico e delle massime autorità presenti che si sono complimentate con il funzionario per l’attenzione rivolta dalla ADM alla comunità nursina.

Basilica San Benedetto, cantiere tra 2 settimane

Nel corso della giornata è stato presentato dal Coordinatore di un raggruppamento di studi professionistici, Prof. Arch. Carlo Blasi (Comes Studio Associato) e dall’ Ing. Nicola Berlucchi (Studio Berlucchi), l’atteso progetto della Basilica di San Benedetto, approvato a tutti i livelli.

La partenza del cantiere post terremoto è prevista nell’arco di due settimane e il primo passaggio sarà la realizzazione di una copertura dell’edificio.
La ricostruzione avverrà su un edificio che è crollato almeno 3 volte e potrà essere ottimizzata e migliorata con rilievi e analisi attente, con tutti i materiali disponibili – ha annunciato l’ing. Berlucchi -. Quello che è rimasto in piedi segnerà la continuità storica della Basilica, prima e dopo il crollo. Nel progetto abbiamo dato valore a qualsiasi superficie perché il loro significato è fondamentale. L’ idea è riproporre la forma e la materia originale, riutilizzando le pietre recuperate, così che possiamo dare ancora più autenticità alla costruzione”.

Alla presentazione era presente il Ministero dei Beni culturali e Turismo con l’ingegnere Paolo Iannelli, Soprintendente Speciale per le Aree Sisma del MiC, e la dott.ssa Marica Mercalli Direttore Generale per la Sicurezza del Patrimonio Culturale.

Fiori d’arancio per Elvira e Skelzen

Che la comunità stia tornando lentamente alla normalità lo dimostra anche il numero dei matrimoni che si celebrano in Municipio. Se l’anno dopo il terribile sisma erano stati appena 2, saliti a 3 nel 2018, dal 2019 se ne sono registrati 6 l’anno (12 invece le coppie di fatto che hanno voluto regolarizzare la propria posizione civile in Comune).

L’ultimo in ordine di tempo, e al quale Tuttoggi ha partecipato, quello tra i giovani Elvira e Skelzen che si sono giurati eterno amore davanti al primo cittadino.

Al termine della breve ma sentita cerimonia il sindaco, come da tradizione, ha regalato ai neosposi una pergamena in cui è riprodotta la città di Norcia le cui mura urbiche disegnano la forma di un cuore.

Ultima notizia correlata: Governo stanzia altri 6 miliardi per terremoto Centro Italia

© Riproduzione riservata

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!