Terremoto Elezioni 2013: Camera a Bersani, Senato a Berlusconi, boom per grillini – Spettro ricorsi - Umbria, Ok Pd, M5S 2° partito - Tuttoggi

Terremoto Elezioni 2013: Camera a Bersani, Senato a Berlusconi, boom per grillini – Spettro ricorsi – Umbria, Ok Pd, M5S 2° partito

Redazione

Terremoto Elezioni 2013: Camera a Bersani, Senato a Berlusconi, boom per grillini – Spettro ricorsi – Umbria, Ok Pd, M5S 2° partito

Lun, 25/02/2013 - 15:04

Condividi su:


h 1.34Dunque ci siamo, o meglio non ci siamo. Le urne hanno riservato un risultato amaro ad un Paese, l’Italia, che da più di un anno cerca di essere governata in maniera stabile e serena. Obiettivo destinato ad essere ancora rimandato se non si troverà un accordo fra coalizioni che fino a ieri si dichiaravano poco disponibili a patti dell’ultimo momento. I risultati.
Alla Camera, quando mancano appena 96 seggi da scrutinare (61.350 su 61.446) Pier Luigi Bersani ottiene 10.029.717 preferenze ovvero il 29,55% superando di poco più di 100.000 voti il Pdl di Berusconi (9.904.228, 29,18%). Boom per Grillo e il Movimento 5 stelle con 8,67 milioni di voti e il 25.54%. Monti supera il 10,56% (3.586.105 voti), mentre sono fuori Antonio Ingroia con il 2,24% (763.343), Oscar Giannino 1,12% (380.392) e Marco Ferrando 0,26% (89.776). DA notare che con il 25,54% quello di Grillo è il primo Partito d’Italia, seguito da Pd con 25,41% e Pdl 21,56%. Difficilmente i 96 seggi da esaminare potranno spostare questi dati che assegnano il premio di maggioranza per Montecitorio a Pd e Sel.
Anche al Senato Pd/Sel battono, seppur di poco il centro destra anche se nelle regioni più importanti il Pdl/Lega ha ottenuto più senatori. Vediamo i risultati: Bersani 31,53% (9,65 mln voti), Berlusconi 30,72% (9,39 mln), Beppe Grillo 23,79% (7,27 mln), Mario Monti 9,13% (2,75 mln), Antonio Ingroia 1,79% (549.569), Oscar Giannino 1,79% (278.449), Marco Ferrando 0,37% (113.850). A palazzo Madamo i grillini entreranno come seconda forza (23,79%), dietro al Pd che ha ottenuto da solo il 27,43% (il Pdl 22,3%).
In Umbria – anche in Umbria i grillini hanno sfondato la barriera del 20% assestandosi al 2° posto davanti al Pdl che qui, nella regione rossa, non aveva mai sfigurato. I dati definitivi: Bersani 37,58% (Pd 34,44; Sel 3,14%); Grillo M5S 25,30%; Berlusconi Berlusconi 25,27% (Pdl 20,32%; Fratelli d’Italia 2,83%, La Destra 1,05, Lega Nord 0,6%; Intesa Popolare 0,23%, Mir 0,21%); Mario Monti 8,34% (Con Monti per l’Italia); Antonio Ingroia 2,04% (Rivoluzione civile); Marco Ferrando 0,72% (PCDL), Oscar Giannino 0,71% (Fare FID).
Anche alla Camera botto per i grillini, secondo partito regionale. Scompaiono di fatto due partiti come Udc e Fli, surclassati anche da Rivoluzione civile di Ingroia e lista Giannino. Bersani 35,55% (32,06%, Sel 3,2%, Centro democratico 0,28%); Grillo 27,16% (M5S), Berlusconi 24,30% (Pdl 19,46%, Fratelli d’Italia 2,76%, La destra 1,06%, Lega nord 0,58%, Mir 0,23%, Intesa Popolare 0,14%, Grande sud 0,05%); Mario Monti 9,61% (Scelta civica 7,86%, Udc 1,29%, Fli 0,45%), Antonio Ingroia 2,53%, Oscar Giannino 0,82%.
(Carlo Ceraso)


Elezioni 2013, l'Umbria voto’: sorpasso Grillo supera Berlusconi, Italia: Pd tiene a Senato e Camera – Ecco gli eletti – Umbria: M5S supera Pdl-Lega, Pd/Sel avanti.

h 22:13 – Chiuso lo scrutinio in Umbria per il Senato; stando ad una prima lettura dei risultati sono eletti per il PD: Miguel Gotor, Gianluca Rossi, Nadia Ginetti e Valeria Cardinali; il folignate Luciano Rossi (PDL), lo spoletino Stefano Lucidi (M5S) e Linda Lanzillotta (Lista Monti). Questi i dati definitivi: Bersani 37,58 – Grillo 25,30% – Berlusconi 25,27 % – Mario Monti 8,34 % – Antonio Ingroia 2,04% – Ferrando 0,72% – Giannino 0,71


h 21.28 – Il M5S di Beppe Grillo si avvia a conquistare il secondo posto in Umbria. I grillini poco fa hanno registrato il sorpasso che difficilmente potrà essere smentito. Al Senato mancano più solo 4 seggi da scrutinare: Bersani 37,58%, Grillo 25,30%, Berlusconi 25,28%, Monti 8,33%, Ingroia 2,04%, Ferrando 0,72%, Giannino 0,71%. Ma i grillini staccano di 3 punti il Pdl alla Camera (987/1029 sezioni): Bersani 35,54, Grillo 27,14%, Berlusconi 24,39%, Monti 9,57%, Ingroia 2,53%, Giannino 0,81%. I dati in campo nazionale.
Bersani resiste alla rimonta del Pdl. Quando al Senato sono state scrutinate 55.462 sezioni su 60431 questi sono i risultati: Pierluigi Bersani 31,84%, Silvio Berlusconi 30,50%, Beppe Grillo 23,78%, Mario Monti 9,16%, Antonio Ingroia 1,8%, Oscar Giannino 0,9%. Dati in linea con quelli della Camera (47.028 sezioni scrutinate): Bersani 30,26, Berlusconi 28,48%, Grillo 25,48%, Monti 10,55%; Ingroia 2,22; Giannino 1,16%.


Elezioni 2013, l'Umbria voto’: Grillo/M5S supera Berlusconi, 2° partito regionale – Pd avanti al Senato ma rimonta Pdl – Aggiornamenti

h 21.05 – Con 40.827 sezioni scrutinate su 61.446, la situazione alla camera a livello nazionale è la seguente: Pierluigi Bersani 30,55%, Silvio Berlusconi 28,16%, Beppe Grillo 25,54%, Mario Monti 10,49%, Antonio Ingroia 2,24%, Oscar Giannino 1,16%. Questo invece il dato in Umbria, quando sono state scrutinate 958 sezioni su 1.029: Pierluigi Bersani 35,5%, Silvio Berlusconi 24,4, Beppe Grillo 27,1%, Mario Monti 9,5%, Antonio Ingroia 2,5%.
Al senato invece sono stati scrutinati, su base nazionale, 53.689 seggi su 60.431. Ecco i risultati parziali: Pierluigi Bersani 31,8%, Silvio Berlusconi 30,4%, Mario Monti 9,1%, Antonio Ingroia 1,8%. Ecco il dato in Umbria: Pierluigi Bersani 37,5%, Silvio Berlusconi 25,3%, Beppe Grillo 25,2%, Mario Monti 8,3%, Antonio Ingroia 2,05%.


h. 19.15 – vale lasciare da parte exit poll e proiezioni e fermarsi ai dati ufficiali del ministero degli Interni. Al Senato, quando siamo a 39.121 seggi su 60.431, Pierluigi Bersani è al 32,48% seguito da Silvio Berlusconi al 29,71%, Beppe Grillo 24%, Mario Monti 9,12% e Antonio Ingroia 1,82%. Tutti gli altri sono sotto l’1%. Situazione che non si discosta al momento molto dai dati per la Camera, qui siamo a 17.622 sezioni scrutinate su 61.446. Vediamo: Bersani 32,23; Berlusconi 26,36; Beppe Grillo 25,69; Mario Monti 8,48%; Antonio Ingroia 2,26%; Oscar Giannino 1,20.
Ecco i dati che provengono per il Sento dall’Umbria con 925 seggi su 1.029: Bersani 37,67%; Berlusconi 25,38%; Beppe Grillo 25,22%: Mario Monti 8,23%; Antonio Ingroia 2,05%. I grillini sono ora col fiato sul collo della coalizione del centrodestra. Un dato clamoroso arriva dai primi risultati per la Camera dove il M5S è al secondo posto in Umbria. Leggiamo il risultato dei primi 525 seggi su 1.029: Bersani 35,43%; Beppe Grillo 26,57%; Berlusconi 24,91%; Mario Monti 9,64%, Antonio Ingroia 2,58%


Elezioni 2013, l'Umbria voto’ – Proiezioni, clamoroso Berlusconi avanti ma per Viminale Bersani in testa – Aggiornamenti

h 17.59 Anche le proiezioni, che stavano smentendo gli exit poll, rischiano di infrangersi di fronte ai dati ufficiali del Viminale secondo i quali il centro sinistra è in vantaggio di quasi 5 punti. I dati, quando sono state scrutinate al Senato un terzo (20.666 su 60.431), sono i seguenti: Pierluigi Bersani 33,39%, Silvio Berlusconi 28,42%, Beppe Grillo 24,38% , Mario Monti 9,15%, Antonio Ingroia 1,82%, Marco Ferrando 0,43% , Oscar Giannino 0,91%. C’è da rilevare però che mentre regioni come la Toscana sono quasi completate (Pd-Sel sono in vantaggio), in Lombardia Pdl-Lega registrano il 40% dei consensi quando siamo ad un decimo delle sezioni scrutinate. In Umbria Bersani sempre in testa (37,54%) ma è Grillo a far spaventare il centrodestra: M5S è al 25,10% Berlusconi al 25,68% quando siamo a 647 seggi su 1.029.


Elezioni 2013, l'Umbria voto’ – Proiezioni, clamoroso Berlusconi avanti, segue Bersani con Pd/Sel, trionfo Grillo, out Ingroia – Aggiornamenti – Umbria: avanti Pd-Sel, cala Pdl, M5S staccato di 1 punto.

h 17.20 – Le prime poiezioni smentiscono clamorosamente i risultati degli istant poll che avevano assegnato la vittoria alla colizione di Bersani (Pd e Sel) seguito da Pdl-Lega e Grillo-M5S. Anche la Borsa ne ha risentito tornando a scendere a -034% dopo il +4% registrato nel primo pomeriggio. Lo spread è volato a 280 punti. Il Cavaliere al Senato sarebbe al 31,2% quando siamo ad un quinto dei seggi scrutinati, Bersani al 30,1%. In Umbria il centrosinistra è avanti quando siamo a 408 seggi scrutinati al Senato su 1.029: Pierluigi Bersani 38,08% (Partito democratico 35,0%, Sel 3,07%), Silvio Berlusconi 25,21% (Pdl 20,45%, Fratelli d’Italia 2,89%, La Destra 1,01%, Lega nord 0,67%, Intesa Popolare 0,21%, MIR 0,21%); Grillo 24,74% (MM5S), Mario Monti 8,13% (Scelta civica), Antonio Ingroia 2,07% (Rivoluzione civile), Marco Ferrando 0,76% (Partito comunista lavoratori); Oscar Giannino 0,71% (Fare – Fid)


Elezioni 2013, l'Umbria voto’ – Istant Poll, vince Bersani con Pd/Sel, tiene Berlusconi, ok Grillo, out Ingroia e Udc – Aggiornamenti

h 16.18 – per la diretta di Tuttoggi.info dai Comuni clicca qui: Perugia, Terni, Foligno, Castello, Spoleto .


h 16.14 – Aflluenza in calo in Umbria intorno al 5% quando sono pervenuti alle prefetture i dati di 85 dei 92 comuni. Al momento è la provincia di Terni a registrare il calo maggiore con una affluenza del 76,68% quando manca più un solo comune (nel 2008 fu l’82,4%). A Perugia sono andati al voto il 79,38% (84,06%) quando mancano i risultati di 6 comuni sui 59 di questa provincia


h. 15.58 – Bersani al 38%, centrodestra al 30% e il Movimento 5 Stelle di Beppe Grillo al 19%. È il dato degli istant poll dell'Istituto Piepoli realizzati per la Rai. Dalla rilevazione – il distacco dell'8% tra i due principali Poli consentirebbe a Pd-Sel-Centro democratico di avere una maggioranza anche al Senato – emerge l’ exploit dei grillini attorno al 19% e il tonfo della coalizione Monti molto lontana dal terzetto di testa, tra il 7 e il 9%, anche a causa del tracollo di Udc e FLI. Incerta la presenza di Rivoluzione Civile in Parlamento fra il 2 e il 3%. La vittoria del centrosinistra è confermata anche dagli instant poll di Sky/Tecnè, secondo cui la coalizione guidata da Pierluigi Bersani avrebbe ottenuto il 34,5% dei consensi, con un vantaggio di oltre 5 punti sul centrodestra che si ferma al 29%. Quanto al Senato, dove si gioca la vera battaglia, Tecné attribuisce al centrosinistra il 37% dei voti al Senato (Pd 32,0%, Sel 3,5%, Altri 1,5%) mentre il centrodestra sarebbe al 31% (Pdl 22,5%, Lega Nord 5,5%, Altri 3,0%). Il Movimento a 5 Stelle di Beppe Grillo è al 16,5%, mentre la Lista Monti è al 9%. Rivoluzione Civile arriva a 3,0%, Fare per Fermare il declino è all'1,0%. Il margine di errore previsto è del 2,5%.


Aggiornamento h 15.13 – Vola piazza Affari dopo la pubblicazione degli istant poll che assegnano una vittoria pressochè certa (7-9 punti di scarto) al centrosinistra di Pierluigi Bersani. Borsa Italiana negli ultimi minuti sfiora il 3%


Pierluigi Bersani, sorretto da Partito Democratico e SEL, ha vinto le elezioni politiche 2013. E' questo il dato che emerge dagli istant poll resi noti da Sky e Corriere della Sera. Regge il Pdl, distaccato di 7-8 punti percentuali, Grillo e M5s sfiora il 20%, Monti con la Lista civica sotto il 10%. In Lombardia il centrosinistra sarebbe di poco in vantaggio sul centro destra. Sarebbe invece fuori, stando ai primi istant poll Rivoluzione civile, il movimento guidato da Antonio Ingroia e l'Udc di Casini.

Intanto è partito lo speciale di Tuttoggi.info con gli aggiornamenti in tempo reale dalle principali città della regione (per consultarle basta cliccare la propria città nella stringa in alto alla home page).
Umbria, urne chiuse – nel 2008 la regione cuore verde d’Italia si era espressa così. Camera: Partito Democratico 44,37%, Italia dei Valori 3% (in coalizione con Pd), Popolo della libertà 34,48%, Lega Nord 1,67 (in coalizione con Pdl), Unione di centro 4,52%, La Destra 3,56%, Sinistra Arcobaleno 3,52%, Forza Nuova 0,53%, Partito socialista 1,77%, Sinistra critica 0,59%, Partito Comunista Lavoratori 0,79%.
Senato: Partito Democratico 44,49%, Italia dei Valori 3,05% (in coalizione con Pd), Popolo della libertà 35,15%, Lega Nord 1,52 (in coalizione con Pdl), Unione di centro 4,74%, La Destra 2,9%, Sinistra Arcobaleno 3,97%, Forza Nuova 0,46%, Partito socialista 1,74%, Sinistra critica 0,54%, Partito Comunista Lavoratori 0,75%.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!