Terni, rinnovata autorizzazione ambientale per parco scorie Ast - Tuttoggi

Terni, rinnovata autorizzazione ambientale per parco scorie Ast

Redazione

Terni, rinnovata autorizzazione ambientale per parco scorie Ast

E’ stata illustrata questa mattina la rinnovata Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA) che riguarda gli stabilimenti e la discarica del Polo siderurgico di Terni
Gio, 19/12/2019 - 15:52

Condividi su:


Terni, rinnovata autorizzazione ambientale per parco scorie Ast

E’ stata illustrata questa mattina la rinnovata Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA) che riguarda gli stabilimenti e la discarica del Polo siderurgico di Terni da parte dell’assessore regionale all’ambiente Roberto Morroni, del Direttore generale di ARPA Umbria Luca Proietti, dal Dirigente regionale Andrea Monsignori, del funzionario regionale Paolo Grigioni. Sono intervenuti per il Comune di Terni, il sindaco Leonardo Latini e l’assessore all’ambiente Benedetta Salvati.
“Faremo di tutto – ha detto il sindaco Leonardo Latini affinché l’azienda porti ricchezza per la città di Terni e stiamo lavorando al meglio affinché l’ambiente e lo sviluppo possano convivere. Sono contento del fatto che la Regione ritenga l’ambiente un tema centrale per Terni in quanto ciò è in sintonia con ciò che la nostra giunta ha realizzato finora per l’ambiente. Per questo – ha evidenziato Latini ringrazio anche l’assessore all’ambiente Benedetta Salvati e lo staff dell’amministrazione comunale per i progetti portati avanti su piano della sostenibilità e sono ancor più soddisfatto di ciò che si sta facendo per la captazione delle polveri sottili, sicuro che sia di grande conforto anche per i cittadini. E’ rassicurante notare  – ha rimarcato – che l’Arpa metta al centro il nostro territorio trovando soluzioni concrete per salvaguardare la salute dei cittadini nell’ottica della trasparenza dei dati ambientali.”

“Il provvedimento presentato questa mattina – ha evidenziato l’assessore all’ambiente Benedetta Salvati è di grande beneficio per la città, risultando una vera svolta per il problema delle polveri di Prisciano con il trasferimento delle lavorazioni del ciclo delle scorie, ad oggi svolto all’aperto, in ambiente confinato e opportunamente scelto con un controllo di emissioni direttamente ai camini. I nuovi impianti saranno realizzati senza ulteriore consumo di suolo, all’interno dello stabilimento, utilizzando degli spazi che verranno riqualificati. Il progetto scorie – conclude l’assessore Salvatiè stato già affidato alla ditta Tapojärvi e partirà a breve. Abbiamo già avviato una fase di condivisione degli interventi con i cittadini di Prisciano che proseguiranno nel corso del 2020 e ci renderemo garanti dell’effettiva realizzazione dei progetti presentati e del rispetto della tempistica prescritta”.


Condividi su:


Aggiungi un commento