Terni, bidello insulta minore in classe | Genitori 'denunciano' anche presunto schiaffo - Tuttoggi

Terni, bidello insulta minore in classe | Genitori ‘denunciano’ anche presunto schiaffo

Luca Biribanti

Terni, bidello insulta minore in classe | Genitori ‘denunciano’ anche presunto schiaffo

Il grave episodio sarebbe accaduto in una scuola del centro della città
Gio, 17/01/2019 - 12:25

Condividi su:


Terni, bidello insulta minore in classe | Genitori ‘denunciano’ anche presunto schiaffo

Parolacce e un presunto schiaffo in classe a un alunno di una scuola media di Terni da parte di un bidello. Un fatto che sta agitando non poco genitori e dirigente di un istituto scolastico del centro cittadino, dove, in queste ore, si sta cercando di far luce sull’increscioso fatto violento che si è verificato in classe.

La denuncia viene da alcuni genitori e la dirigente sta verificando in queste ore la posizione dell’uomo ‘sotto accusa’ che, al momento, deve ancora fornire la sua versione dei fatti. Ovviamente non è ancora del tutto chiaro cosa sia successo in quella classe, ma qualcosa di grave sicuramente, episodio sul quale abbiamo raggiunto telefonicamente l’assessore alla Scuola Valeria Alessandrini: “Ho avviato tutte le procedure di verifica del caso e attivato le procedure di mia competenzaspiega l’assessoreper far chiarezza su quanto accaduto. L’uso di un linguaggio violento nei confronti di uno o più alunni è già di per sé un fatto grave e, qualora risultasse anche un’aggressione fisica sarebbe un gesto ignobile. Proprio nei giorni scorsi l’assemblea legislativa regionale ha bocciato la proposta della Lega di installare videocamere nelle scuole inferiori per la sicurezza di tutti. Questo episodio è la dimostrazione che la misura proposta dalla Lega è di assoluto buon senso e necessità”.

Da quanto è stato possibile apprendere, sembra che l’alunno in questione e il bidello siano entrati in contrasto per futili motivi, forse addirittura per ‘questioni sportive’ relative a sfottò calcistici. Fatto che aggrava ancora più una situazione già compromessa.


Condividi su:


Aggiungi un commento