Tavolo su assetto idrogeologico, dettate priorità per affrontare prossime emergenze maltempo - Tuttoggi

Tavolo su assetto idrogeologico, dettate priorità per affrontare prossime emergenze maltempo

Redazione

Tavolo su assetto idrogeologico, dettate priorità per affrontare prossime emergenze maltempo

Sab, 29/10/2022 - 14:51

Condividi su:


Tra le priorità ci sono la responsabilizzazione dei cittadini, l'intensificazione di controlli e sanzioni, maggiore operatività per Afor e vincoli alle future edificazioni

L’ondata di maltempo che ha colpito Città di Castello nel settembre scorso richiede oggi per domani una risposta di comunità finalizzata a contenere gli effetti delle prossime precipitazioni: ecco perché con la cabina di regia riunita in Comune abbiamo tracciato una strada che d’ora in poi istituzioni e cittadini dovranno percorrere insieme, nel segno della consapevolezza e corresponsabilità nella gestione dell’assetto idrogeologico del territorio.

Il tavolo

Il sindaco Luca Secondi inquadra così, insieme all’assessore ai Lavori Pubblici Riccardo Carletti, all’assessore alla Protezione Civile Benedetta Calagreti e all’assessore all’Ambiente Mauro Mariangeli il lavoro del tavolo convocato ieri mattina (28 ottobre), nella sala del Consiglio comunale, con tutti i soggetti coinvolti a livello locale e regionale nella gestione dell’assetto idrogeologico – Prefettura, Regione, Provincia, carabinieri forestali e Afor – e dei servizi di Protezione civile.

Aperta dal ringraziamento degli amministratori ai dipendenti delle Squadre Operative comunaliper il pronto intervento nelle giornate del 15 e 30 settembre, che ha permesso di salvaguardare l’incolumità dei cittadini, per la successiva opera di messa in sicurezza delle situazioni critiche e per la ricognizione sul territorio che ha portato a una prima stima dei danni da 1 milione di euro”, la riunione ha permesso di individuare e condividere le azioni da mettere in campo per prevenire e affrontare le emergenze causate dal maltempo.

Responsabilizzare il cittadino partendo dalla pulizia di fossi, tombini e passi carrabili

In un territorio comunale nel quale la proprietà pubblica si attesta al 2% dell’intera superfice, la prima esigenza individuata dal tavolo è stata quella di coinvolgere e responsabilizzare i privati, ovvero i cittadini, nella salvaguarda dell’assetto idrogeologico, perché siano valore aggiunto delle politiche di gestione e programmazione di Comune e altri enti competenti. Attraverso un aggiornamento dell’ordinanza di polizia idraulica attualmente in vigore (la n.46 del 12 agosto 2011) saranno definite con maggiore dettaglio le norme di comportamento dei cittadini stabilite dalla legge per quanto riguarda la pulizia di fossi di scolo, tombini, passi carrabili al confine con strade comunali o vicinali, e le sanzioni previste in caso di mancato rispetto delle disposizioni.

Come amministrazione comunale ci assumeremo tutte le responsabilità che ci competono, ma nell’ottica di una collaborazione indispensabile, chiederemo maggiore attenzione ai cittadini in una gestione del territorio in cui sono chiamati per primi al rispetto di precisi doveri dettati dalle leggi in materia”, hanno spiegato Secondi insieme a Carletti, Calagreti e Mariangeli.

Le altre priorità: più controlli, più operatività Afor e vincoli a future edificazioni

Una seconda priorità sarà l’innalzamento del livello di monitoraggio del territorio, attraverso l’intensificazione di controlli e sanzioni da parte degli organi preposti e un maggiore coinvolgimento dei volontari di Protezione Civile nella sorveglianza di aree sensibili e nella prevenzione dei rischi. Altra urgenza sollevata sarà quella di chiedere alla Regione di fare in modo che, nell’ambito della riforma dei consorzi di bonifica, enti come Afor siano messi nelle condizioni giuridiche e finanziarie utili a garantire l’attuazione costante di interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria nel territorio.

La quarta azione riguarderà la pianificazione urbanistica, nella quale l’amministrazione comunale ha preso l’impegno di definire linee di indirizzo a livello autorizzativo che, nel rispetto delle leggi vigenti, vincolino le future progettazioni e lottizzazioni a non prevedere la tombolatura delle acque superficiali e a non costruire fondi e scantinati sotto il livello dei corsi d’acqua. “Per l’intensità delle precipitazioni registrate, all’ondata di maltempo del 15 e 30 settembre è stato attribuito un tempo di ritorno di 200 anni – affermano gli amministratori – un dato statistico che ci fa ritenere quanto accaduto eccezionale, ma non certo irripetibile: per questo è nostra precisa responsabilità quella di prepararci al meglio a fronteggiare future emergenze, condividendo con i cittadini questo impegno, senza tralasciare nessun aspetto”.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!