Tagli al trasporto pubblico a Perugia, la Giunta “Solo nel periodo estivo”

Tagli al trasporto pubblico a Perugia, la Giunta “Solo nel periodo estivo”

Approvata la rimodulazione in vigore dall’11 giugno all’11 settembre | Per le decisioni sul futuro si attende il Piano urbano della mobilità sostenibile


share

Ridimensiona gli allarmi lanciati dalla Cisl sul taglio delle corse degli autobus l’amministrazione comunale di Perugia. La riduzione sarà infatti per ora solo nel periodo estivo, anche se una rimodulazione di orari e linee dovrebbe avvenire in futuro con il Piano urbano di mobilità sostenibile.

La Giunta comunale di Perugia ha approvato quindi ieri il programma di esercizio estivo delle linee di TPL (trasporto pubblico locale), sulla base di una rimodulazione che sarà in vigore dal 11 giugno -lunedì prossimo- al l’11 settembre di quest’anno.

Nel dettaglio, si tratta di una riduzione delle frequenze di transito per circa 95mila km complessivi, pari a 200mila euro di spesa, delle seguenti linee:

1.        Linea N –  la frequenza di esercizio passa da 30 a 45 minuti;

2.        Linea Q – la frequenza di esercizio passa da 30 a 40 minuti;

3.        Linea D – la frequenza di esercizio passa da 40 a 60 minuti

4.        Linea R – la frequenza di esercizio passa da 30 a 45 minuti;

5.        Linea H – la linea viene soppressa e surrogata dalle altre linee della rete (G-F-I-A-) il cui orario rimane invariato durante l’intero periodo estivo.

La rimodulazione si è resa necessaria a causa del protrarsi dell’iter burocratico particolarmente complesso per la nascita dell’Agenzia Regionale della Mobilità, che non ne ha permesso al momento l’attivazione prevista per quest’anno.

Ciò, di conseguenza, ha fatto si che i 200mila euro di contribuzione previsti per il trasporto perugino -per cui l’amministrazione comunale aveva previsto in bilancio un risparmio di uguale misura- siano venuti meno, con la conseguente necessità di rivedere le frequenze del TPL cercando di minimizzare al massimo i disagi per i cittadini.

“Si tratta di una soluzione temporanea che tiene conto, da un lato, delle esigenze di bilancio  dell’ente e, dall’altro, delle esigenze degli utenti. -ha spiegato l’assessore alla Mobilità Cristiana Casaioli- Il servizio è comunque garantito, in un periodo come quello estivo in cui c’è minore richiesta di trasporto pubblico.”

Già in passato, peraltro, si è sempre attuato nel periodo estivo, in concomitanza con la chiusura delle scuole, una riduzione delle frequenze per cinque settimane. Quest’anno, di fatto, è stato necessario farlo per un periodo più lungo.

Obiettivo dell’ente è comunque quello di efficiente al massimo il servizio -sia in termini di chilometri che di costi- nell’ambito del nuovo Piano urbano della mobilità sostenibile.

“Per il PUMS siamo adesso nella fase finale -ha confermato Casaioli- ma, purtroppo i tempi di attuazione dipenderanno da quando la regione deciderà di mettere a gara il TPL.”

Il costo del il trasporto pubblico a Perugia ammonta a 20 milioni annui, di cui 14 sono a carico del Comune.“La Regione Umbria -conclude l’assessore- copre il 60% del TPL su gomma di Perugia, contro l’80% di altri comuni più piccoli. Se facciamo il paragone con altri capoluoghi di regione, come Bologna, dove la spesa in questione è pari a 60 milioni, tutti interamente coperti dalla Regione Emilia Romagna e dove il comune spende solo 2 milioni a copertura di azioni di agevolazione per certe categorie di utenti, la differenza è abissale.”

share

Commenti

Stampa