Taccheggio, aumentano i controlli nei negozi

Taccheggio, aumentano i controlli nei negozi

Non bastano i sistemi di allarme automatici | Personale all’uscita per i ladruncoli


share

Abito scuro, camicia bianca, e sul bavero della giacca, in bella vista, il tesserino di riconoscimento. Davanti alle colonnine anti-taccheggio poste all’uscita di alcuni noti negozi di abbigliamento molto in voga soprattutto tra i giovani sono ricomparsi i “controllori”. Sono presenti nei negozi più grandi all’interno del centro commerciale di Collestrada, dove anche l’altro giorno due ragazzine sono state sorprese con lo zaino pieno di abiti non pagati, ed in alcuni esercizi del centro storico.

Segno che il fenomeno del taccheggio, complice soprattutto l’afflusso di clientela in alcuni giorni durante questo periodo di saldi di fine stagione, ha ripreso vigore. E pagare un guardiano fisso all’uscita del negozio per tutto l’orario di apertura evidentemente costa meno della merce che, si stima, viene arraffata senza passare alla cassa.

Merce che viene rubata non per necessità, ma per la voglia di essere alla moda, a dispetto delle disponibilità e della volontà dei genitori. Come, appunto, nel caso delle due ragazzine pizzicate l’altro giorno nel negozio di Collestrada. Che già nell’aspetto mostravano di tenere molto al look. Troppo, visto quanto accaduto e la figura che hanno fatto fare alla madre, accorsa con 103 euro (tale il valore della merce rubata) per evitare che le due minorenni (13 e 15 anni) venissero denunciate.


Shopping con furto al posto della scuola


Non a caso ad essere presi più di mira sono proprio i negozi di abbigliamento che vendono merce non particolarmente costosa, ma che va per la maggiore tra i giovanissimi.

E i responsabili di questi esercizi devono mettere sul conto delle uscite i costi per la sorveglianza. A cui si aggiungono, come ha spiegato, esasperata, una di loro, i costi ed il tempo perso per denunciare i ladruncoli e presentarsi poi alle eventuali udienze in Tribunale. Oppure mettere sul conto giornaliero il costo della merce uscita senza essere battuta alla cassa. I responsabili dei negozi, anche di quelli che fanno parte di grandi catene commerciali, hanno optato per la prima soluzione, per convenienza e per cercare di stroncare questa brutta e pericolosa, è proprio il caso di dire, “moda”. I ladruncoli, seriali e occasionali, che si aggirano per Perugia, sono avvertiti.

share

Commenti

Stampa