Stelle e tradizione, il nuovo Pd a Casa Vissani - Tuttoggi

Stelle e tradizione, il nuovo Pd a Casa Vissani

Redazione

Stelle e tradizione, il nuovo Pd a Casa Vissani

Festa per la Guida di Repubblica, arriva anche Bernardi: "Con Perugia ho fatto centro" | Le dichiarazioni d'amore di Serena Autieri e Alba Rohrwacher
Mer, 21/11/2018 - 12:37

Condividi su:


Se la sfida per la segreteria regionale del Pd, con le  primarie del 16 dicembre, sarà – comunque vada – una festa, come dicono i due contendenti, Gianpiero Bocci e Walter Verini, allora un assaggio può anche arrivare in quel tempio dei sapori tradizionali, ma da una cucina griffata, che è “Casa Vissani”. Del resto, l’invito a “tornare alla cucina tradizionale” lanciato all’Umbria dallo chef più stellato della regione può benissimo calzare al nuovo corso del Pd, i cui protagonisti, un po’ tutti, annunciano di voler uscire dai salotti per scendere nelle strade, tra la gente.

Assente l’ex sottosegretario, quella parte del Pd è rappresentato da Catiuscia Marini, anche se non in veste politica ma istituzionale, alla presentazione della tradizionale “Guida ai sapori e ai piaceri dell’Umbria” de La Repubblica. Ma a metà cena ecco che compare anche Walter Verini. E allora la par condicio (almeno quella dem) è assicurata, tra ostriche e la più tradizionale delle pizze al pomodoro, come appunto prevede il protocollo di Gianfranco Vissani.

Tra chef, produttori di vini, giornalisti, politici e politologi, avvocati, accompagnato dal patron della Sir Sirci  arriva il campione del mondo (da giocatore) e campione d’Italia in carica (da allenatore di Perugia) Lorenzo Bernardi. Lui è uno degli umbri d’adozione che hanno voluto scrivere sulla Guida le loro pagine d’amore per questa terra. E Bernardi, nonostante in tanti lo avessero messo in guardia sui perugini “chiusi e freddi“, ammette: “Con Perugia ho fatto centro“. Sul parquet del Pala Barton, ma anche a tavola.

Presente anche Gianni Dessì, un’altra firma degli “Itinerari d’autore”, sono state attese invano le star del cinema, che non sono riuscite a liberarsi dai loro impegni per essere a Baschi. L’orvietana Alba Rohrwacher, che però ha scritto con orgoglio: “Sono cresciuta in campagna e ho frequentato le scuole elementari e medie a Castel Giorgio“. Serena Autieri, diventata spoletina per amore del suo Enrico e poi della città del Festival, che l’ha affascinata talmente tanto da sceglierla come luogo per le nozze, “perché volevo far respirare anche ai miei parenti – spiega – quell’atmosfera che la città e la regione offrono“.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!