Spoleto59, arriva Christian De Sica per il Premio Siae | Forse al Festival nel 2017

Spoleto59, arriva Christian De Sica per il Premio Siae | Forse al Festival nel 2017

L’attore chiede a Ferrara di portare il suo nuovo spettacolo a Spoleto60 | Il San Lorenzo invaso di vip | Pino Insegno e Cardarelli come in un film dei Vanzina

share

Christian De Sica si propone per l’edizione 2017 del Festival dei 2 Mondi con un nuovo spettacolo musicale, in corso di allestimento per la prossima stagione teatrale. La proposta l’ha fatta lui stesso ieri pomeriggio al direttore artistico di Spoleto59, Giorgio Ferrara il quale gli ha risposto prontamente, “Va bene, firmo subito”. De Sica è arrivato a Spoleto ieri per il Premio Siae, che quest’anno si è tenuto durante una serata speciale, “Quando la musica racconta”, andata in scena ieri sera 27 giugno al Teatro Romano. Un evento nell’evento, così come ormai da 8 anni la società italiana degli autori ed editori ha abituato il pubblico del Festival.

Musiche da film – Sul palco sono saliti infatti artisti come lo stesso De Sica, il musicista Fabrizio Bosso, Serena Autieri e Pino Insegno, il tutto con due conduttori d’eccezione: Giampiero Ingrassia e Serena Rossi. Protagoniste le più belle colonne sonore dei film italiani. Quelle di Ennio Morricone, Carlo Rustichelli, Armando Trovaioli, Nicola Piovani e Nino Rota, ma anche di Piero Piccioni, Luis Bacalov, Riz Ortolani, Franco Micalizzi e Manuel De Sica. Proprio a quest’ultimo, scomparso un anno fa (nel 2014 fu presente a Spoleto per la retrospettiva dedicata al padre Vittorio) è stato dedicato un riconoscimento speciale, rivolto ad una giovane autrice di musiche da film, la 17enne Rita Ciancio. Ad ideare la serata, che ha registrato il tutto esaurito, il presidente del consiglio di sorveglianza della Siae, Franco Micalizzi, che si è avvalso del giovane produttore Niccolò Petitto. Un concerto speciale che ha visto le più grandi musiche dei film interpretate da noti attori, grazie ad un’orchestra di 46 elementi e 6 coristi.

I Vip al San Lorenzo – Ad anticipare la serata, che ha visto i biglietti (gratuiti) terminati già da giorni, è stato un incontro che De Sica, insieme alla produzione e ad alcuni artisti saluti sul palco, hanno tenuto nel pomeriggio al ristorante San Lorenzo. A fare gli onori di casa è stato Giorgio Ferrara, affiancato dal sindaco Fabrizio Cardarelli. “Christian è un amico da tanti anni – ha ricordato Ferrara – ed è venuto a Spoleto 9 anni fa per ricevere il premio Biglietto d’oro. Stasera consegnerà un premio alla memoria di sua fratello Manuel, era una persona veramente straordinaria“. Un gruppo di artisti affiatato, quello che si è incontrato ieri, come hanno ribadito gli stessi presenti e come si capiva dalla complicità e dalle battute continue. Oltre a De Sica c’era un altro figlio d’arte, Giampiero Ingrassia, affiancato da Serena Rossi, la giovane attrice e cantante lanciata dalla soap “Un posto al sole” e con una carriera in continua ascesa e che a Spoleto si è presentata con un bel pancione (aspetta un figlio dal compagno Davide Devenuto).

Pino Insegno e la bacchettata del sindaco – Ma i momenti di ilarità e spassosità più forti sono arrivati insieme al comico Pino Insegno, approdato a Spoleto trafelato al termine della conferenza stampa, – bloccato dalla chiusura della superstrada a Terni – quando a mangiare tartine erano rimasti soltanto gli attori e il sindaco Fabrizio Cardarelli. Appena gli hanno presentato il primo cittadino Insegno ha esordito: “A Spoleto avevo due case…ma le ho vendute”. E mentre Cardarelli prova a bacchettarlo ridendo con un perentorio “Basta…vai via allora”, arriva la giustificazione a fil di denti, “…Ma erano sempre vuote, non ci venivo mai”.  Un siparietto estremamente divertente per i pochi presenti, soprattutto quando il brillante attore e imitatore ha iniziato a parlare della sua amicizia con il popolare ristoratore “Benedetto” delle Casaline, raccontandone vita, morte e miracoli e recitando la parte dello stesso in un dialetto spoletino mescolato al ciociaro. Mezzora di pura follia comica che ha attirato anche l’attenzione di Christian De Sica che ha iniziato a duettare con Insegno. una scenetta degna di un film dei Vanzina

E chissà che alla fine all’attore, dopo ieri sera, non venga la voglia di tornare a vivere a Spoleto, così come, si spera, ad altri dei protagonisti di un’altra magica pagina di questo Festival dei 2 Mondi che, come ha detto nei giorni scorsi la presidente della Regione Catiuscia Marini, dopo i fasti del Maestro Menotti “con Giorgio Ferrara ha saputo reinventarsi e rinnovarsi“.

Riproduzione riservata

Foto: Tuttoggi.info (Sara Fratepietro e Carlo Vantaggioli)

share

Commenti

Stampa