SPOLETO SI STRINGE INTORNO AL CEIS “DON GUERRINO ROTA”. LA DIATCHENKO INCANTA GLI OSPITI. DON EUGENIO “GRAZIE A TUTTI” (Foto – 2 Video) - Tuttoggi

SPOLETO SI STRINGE INTORNO AL CEIS “DON GUERRINO ROTA”. LA DIATCHENKO INCANTA GLI OSPITI. DON EUGENIO “GRAZIE A TUTTI” (Foto – 2 Video)

Redazione

SPOLETO SI STRINGE INTORNO AL CEIS “DON GUERRINO ROTA”. LA DIATCHENKO INCANTA GLI OSPITI. DON EUGENIO “GRAZIE A TUTTI” (Foto – 2 Video)

Sab, 20/12/2008 - 17:11

Condividi su:


Erano in tanti ieri alla Cena di beneficienza organizzata in favore del Centro Italiano “Don Guerrino Rota”, che da oltre 30 anni si occupa dei ragazzi caduti nella trappola della tossicodipendenza. L’incontro, tenutosi presso una delle sale ricevimento della Scuola di Polizia, ha dimostrato, se ce n’era bisogno, quanto la Comunità è vicina al centro retto da monsignor Eugenio Bartoli che, fra mille difficoltà, riesce a mantenere in vita la struttura. I suoi ultimi appelli per sostenere il ‘Don Guerrino Rota’ sono stti raccolti sia dalle istituzioni, sia da personaggi noti emeno noti della vita cittadina. Il consiglio comunale, ad esempio, ha istituito un tavolo permanente per monitorare i bisogni e le esigenze del Centro che si occupa di 170 ragazzi grazie al lavoro di 45 operatori dislocati nelle varie strutture.

I presenti – sarebbe davvero lunga la lista delle persone che hanno preso parte alla cena di beneficienza. 220 quelle che hanno varcato la soglia della Scuola di Polizia. Con monsignor Eugenio si sono ritrovati, fra gli altri, il sindaco Brunini, il vescovo Fontana, il senatore Ada Urbani, l’ex senatore Pierluigi Castellani, l’assessore Albertella, i comandanti delle forze di polizia di stanza a Spoleto, il presidente Scs Fabrizio Cardarelli, il consigliere carispo Gianni Conti, il segretario del Pd Dante Rossi, l’avvocato Finocchi e tanti, tanti altri ancora. Fra cui due registi cari al pubblico come Lino Procacci e Stefano Alleva, entrambi ormai di casa nella città del festival.

La sorpresa – se Claudia Koll e Katia Ricciarelli hanno dato forfait, la serata ha registrato un vero e proprio evento grazie alla presenza di Masha Diatchenko, la bambina prodigio, che a 14 anni ha già incantato con il suo violino i Teatri di mezza Europa. “Mi piace ricordare – ha detto nel presentarla il rofessor Gorgio Cegna della Confederazione dei Cavalieri Crociati – che Masha ha risposto al nostro invito senza pretendere alcun compenso. Quando si tratta di eventi di beneficienza è sempre disponibile a dare il proprio contributo”. Due i brani proposti, all’inizio e al termine della cena, che hano estasiato i presenti.

La cena – raffinata la cena preparata, grazie ai prodotti offerti dalle aziende del comprensorio, dai ragazzi dell’Istituto alberghiero di Spoleto del preside Angelo Paci. Hanno pensato a tutto loro, straordinari come sempre. Il menu: nuvoletta di pate a’ chous con mousse di trota a ‘mollo nel brodo di natale ed aroma al vin santo, gratin di tagliolini al ragout di verdure e pomodorini confit, cappone in grotta di sale tartufato con ghirlanda di patata duchessa profumata al rosmarino, pera ‘Martin sec’ al sagrantino passito con ricotta mantecata al miele, mandorle e filo dorato. “E’ andato tutto molto bene – ha commentato a TO® monsignor Bartoli – tanto che abbiamo dovuto chiudere le prenotazioni. Ma la cosa più bella è che quanti non hanno potuto partecipare alla serata o non sono riusciti a prenotare un posto, hanno deciso di devolvere la quota prevista per la cena al nostro Centro. Voglio ringraziare davvero tutti, un pensiero particolare va all’ispettore di polizia Roberto Januale senza il quale questo evento non sarebbe riuscito così bene.

(Ca. Cer.)

Video 2 – TApplausi per gli studenti e i professori dell'Istituto Alberghiero (clicca qui) Chi è Masha Diatchenko

E’ nata nel 1994 a Roma. Figlia d’arte di settima generazione ha intrapreso gli studi di violino e pianoforte all’età di quattro anni, sotto la guida dei genitori. Ha riscosso il primo grande successo all’età di 5 anni, esibendosi come pianista nel recital del M° Ennio Morricone all’Aula Magna dell’Università “La Sapienza” di Roma. ed Orchestra “I Mozartini”sotto la direzione del M° G.Zampieri. Con l’Orchestra “I Mozartini” viene invitata a partecipare alla prestigiosissima rassegna per giovani violinisti organizzata dal M° Uto Ughi “Uto Ughi per Roma”, in cui esegue il Concerto in La minore di J.S.Bach. Prende inoltre parte ad eventi culturali e sociali che la vedono esibirsi come solista e con orchestra alla presenza di Papa Giovanni Paolo II e Papa Benedetto XVI. A soli 12 anni si è diplomata presso il Conservatorio Statale di Genova con 10 e lode e menzione d’onore sotto la guida del M° M.Coco. Nel novembre 2004 è stata proclamata la più giovane professoressa dell’Università per la Pace di Assisi e nel 2007 le è stato conseguito il titolo dell’Accademico dell’ ”Academia Gentium PRO PACE”. E’ prima violinista dodicenne al mondo che ha eseguito 24 capricci di N.Paganini dal vivo in un unico concerto . Attualmente suona due diversi strumenti: il violino Pietro Guarneri Veneziano 1740 e il violino Gilberto Losi 2003, creato appositamente per lei e recante una dedica del Maestro liutaio.


Condividi su:


Aggiungi un commento