Spoleto, raccolta firme contro le nuove pavimentazioni del centro storico. Già 300 le adesioni - Tuttoggi

Spoleto, raccolta firme contro le nuove pavimentazioni del centro storico. Già 300 le adesioni

Redazione

Spoleto, raccolta firme contro le nuove pavimentazioni del centro storico. Già 300 le adesioni

Mer, 04/04/2012 - 10:06

Condividi su:


di “Cittadini per Spoleto”

Prosegue la raccolta firme avviata a Spoleto nei giorni scorsi arrivata ieri a circa 300 adesioni. La raccolta è stata promossa da ‘Cittadini per Spoleto’, un gruppo di cittadini accomunati dall’amore per Spoleto e per il suo centro storico e dall’intenzione di impegnarsi per il buon utilizzo delle risorse comuni. L’attenzione si concentra al momento sulla cosiddetta ‘architettura orizzontale’: pavimentazioni di strade e piazze, scale, aiuole, recinzioni, siepi e muretti che ordinano e delimitano gli spazi aperti comuni.

Come una casa, una città si presenta, si giudica e si vive anche attraverso i colori, l’armonia e le proporzioni dei suoi ‘pavimenti’ e dei suoi ‘corridoi’. L’edilizia ‘verticale’ dei palazzi e quella ‘orizzontale’ delle strade hanno pari dignità storica, fanno parte di un’unica visione e richiedono la stessa attenzione nel progetto e nella realizzazione. Perché per le nuove pavimentazioni del centro (Piazza Campello, Via Saffi, Via del Duomo ecc.) non si è avuta la stessa cura riservata, ad esempio, a Palazzo Mauri? I nuovi lavori evidenziano un dato comune: sembra che manchi un progetto dettagliato e coerente basato su uno studio preliminare della storia degli edifici del luogo. Impossibile non notare l’eterogeneità dei materiali, spesso accostati in un patch-work senza stile, i livelli mal calcolati, le bordature improbabili e dalle linee incerte, la quantità di tombini delle più diverse dimensioni disposti senza alcun ordine apparente, le finiture grossolane: tutti elementi che certo non interagiscono armoniosamente con la pregiata e antica architettura circostante.

I lavori a Piazza Campello erano certamente necessari, e non c’è dubbio che la piazza abbia assunto ora un aspetto più arioso. Ma ciò non giustifica la discutibilità di alcuni interventi. Colpisce la pavimentazione intorno alla Fontana del Mascherone: perché la vasca è stata come ‘affogata’ nel nuovo selciato e il piano di calpestio pende e in modo disomogeneo? E poi, è adatto un acciottolato rusticheggiante a contornare una fontana seicentesca? E soprattutto, come può coniugarsi l’ancor più rustico muretto con l’importante monumento del 1910 intorno al quale è stato costruito e con il superbo cinquecentesco Palazzo Campello, una delle architetture più eleganti di Spoleto? Come si giustifica l’uso di una finitura così grossolana, con mattoni posati di piatto e sporgenti anziché di coltello? Un muretto dallo stile e dalla funzione non chiari, molto diverso anche dai muri che, pochi metri più sotto, contengono i terrapieni del giardino. Del giardino per altro, nel quale crescono numerosi alberi d’alto fusto anche di notevole pregio, vorremmo poter conoscere l’assetto finale previsto.

Anche a nome dei firmatari chiediamo dunque all’Amministrazione un’assemblea pubblica nella quale, con spirito costruttivo e nel rispetto reciproco, vengano illustrati i progetti degli interventi citati e si discuta dei metodi fin qui seguiti nonché di una eventuale sospensione di alcuni lavori in vista di opportuni rifacimenti. Auspichiamo inoltre, per una futura effettiva ‘partecipazione’ alle decisioni, che i cittadini siano informati sui lavori che il Comune intende effettuare negli spazi pubblici con tempestive presentazioni dei progetti e dettagliati cartelli esplicativi.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!