Spoleto, la Giunta revoca l'incarico “Rifco” al dirigente Angelo Cerquiglini / S5S “Licenziatelo”

Spoleto, la Giunta revoca l'incarico “Rifco” al dirigente Angelo Cerquiglini / S5S “Licenziatelo”

share

La Giunta comunale, dopo quanto emerso nel corso della seduta del Consiglio comunale del 17 giugno scorso ed alla luce dei recenti sviluppi legati alla situazione di bilancio dell'Ente, ha ritenuto opportuno revocare, in via cautelativa, l'incarico al dirigente della RIFCO (Risorse Finanziarie e Controlli) dott. Angelo Cerquiglini. La revoca, decisa dalla Giunta nel corso della seduta di questa mattina, avrà effetto immediato e resterà valida fino al termine delle attività di verifica in corso.

Sulla vicenda, in mattinata, si era espresso anche il Movimento 5Stelle di Spoleto con una dura nota stampa, che chiedeva senza mezzi termini il licenziamento per giusta causa di Cerquiglini. Ecco il testo: “Tutti i nodi vengono al pettine” è un proverbio inteso a ricordare che, prima o poi, si pagano le cattive azioni compiute e che, prima o poi, dovremo affrontare le difficoltà rimandate. Per anni abbiamo denunciato in tutti i modi e in tutte le sedi la inadeguatezza di questa amministrazione. In questa vicenda, ancora una volta, dimostra la sua sostanziale insussistenza politica e amministrativa. Di fronte alla gravità di quanto rivelato dallo stesso ex D. G. la Giunta ha saputo solo parlare di pannicelli caldi.

I provvedimenti annunciati dal sindaco in maniera roboante si tradurranno in pochi migliaia di euro di risparmio lasciando intatte strutture, incarichi e nomine assolutamente inopportune e gravose per le casse del comune in un momento di gravità ed emergenza senza precedenti. Stando alle cronache delle vicende degli ultimi giorni e alle dichiarazioni ufficiali, si evidenzierebbe che il D.G. abbia arbitrariamente “dopato” il bilancio non osservando e contravvenendo alle direttive generali per l’attività amministrativa e la gestione formalmente comunicate dall’Assessore al bilancio e dal Sindaco. Tale condotta darà luogo a pesanti e incalcolabili ripercussioni negative all’intera comunità con particolare riferimento alle sue categorie più deboli. Alla luce di ciò e in ordine a quanto previsto dall’art.2119 del Codice Civile, dall’art.27, comma 4, del CCNL del 10.4.1996, dall’art.11 del CCNL del 22.2.2006, dall’art.3 del CCNL del 22.2.2010, dall’art. 4, comma 1, dal D.Lgs.n.165/2001 e dall’art.107 del D.Lgs.n.267/2000 chiediamo che il Sindaco e il Segretario Generale mettano in atto quanto necessario per recedere immediatamente dal rapporto di lavoro con il dirigente Angelo Cerquiglini per giusta causa”.

share

Commenti

Stampa