Sospesi 75 sanitari no vax, "ma in ospedali e Asl ancora personale non vaccinato"

Sospesi 75 sanitari no vax, “ma in ospedali e Asl ancora personale non vaccinato”

Redazione

Sospesi 75 sanitari no vax, “ma in ospedali e Asl ancora personale non vaccinato”

Mar, 30/11/2021 - 16:34

Condividi su:


Paparelli chiede la consegna degli elenchi per verificare chi non abbia assolto all'obbligo, Coletto: abbiamo sollecitato verifiche

Sono finora 75 tra infermieri e medici e personale ausiliario coloro che sono stati sospesi in Umbria per non aver rispettato l’obbligo vaccinale. Ma il sospetto è che negli ospedali e nelle struttura sanitarie umbre entri ancora ogni giorno personale che ha aggirato la legge (non solo gli esentati, dunque).

Perché i controlli all’ingresso riguardano il solo Green Pass, che ancora può essere ottenuto anche con il tampone, evidenzia il consigliere regionale Paparelli. Che ha chiesto all’assessore Coletto di conoscere quante unità di personale sanitario non hanno rispettato l’obbligo vaccinale, quanti provvedimenti di sospensione sono stati assunti ed in quali date e quali controlli per il personale sanitario vengono attualmente effettuati all’ingresso dei luoghi di lavoro.

Coletto: sollecitato verifiche

L’assessore Luca Coletto ha risposto che “c’è massima attenzione alla verifica nei confronti delle Aziende e dei dipendenti. Sono circa 10.400 le unità in servizio nella sanità. Sono stati emessi 75 provvedimenti di sospensione dal servizio. I dati sono in continua evoluzione – la sua premessa – in relazione alla prosecuzione della campagna vaccinale e al riconoscimento di eventuali esenzioni. Ogni azienda ha appositi protocolli per la verifica degli accessi dei propri dipendenti. Abbiamo sollecitato la verifica del rispetto dell’obbligo vaccinale per tutti gli operatori della sanità regionale”.

Paparelli: farsi dare i nomi di chi non si è vaccinato

Paparelli si è detto “soddisfatto dell’attenzione annunciata dall’assessore. A fronte di una legge dell’aprile 2021 nessun direttore generale di aziende e ospedali ha pensato di stipulare un’intesa con l’ordine dei medici per farsi dare i nomi di coloro che non hanno assolto l’obbligo vaccinale. Mi auguro – ha concluso – che vengano assunti provvedimenti per consentire l’accesso dei soli operatori sanitari e amministrativi vaccinati”.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!