Sir, a Verona per una conferma - Tuttoggi

Sir, a Verona per una conferma

Redazione

Sir, a Verona per una conferma

Le insidie della Calzedonia: Boyer, i martelli iraniani e la qualità a muro
Ven, 19/10/2018 - 10:53

Condividi su:


Dopo la convincente vittoria contro Latina all’esordio di campionato, sabato sera la Sir Safety Conad Perugia è attesa ad una conferma a Verona contro la Calzedonia.

Squadra decisamente a trazione anteriore quella di coach Nikola Grbic, con tre attaccanti di palla alta molto temibili come l’opposto della nazionale francese Boyer (24 punti nella prima giornata) ed i due martelli iraniani Manavi ed il classe ’99 Sharifi, che nel match d’esordio di domenica scorsa ha destato un’ottima impressione chiudendo con 15 punti. Ma in attacco attenzione massima anche al centrale argentino Solè che a Monza ha imperversato da posto tre chiudendo con 17 punti e l’82% in primo tempo.

Altra caratteristica ben marcata nella formazione gialloblu è la qualità a muro. I 14 vincenti di Monza (record della prima giornata a pari merito con Ravenna) denotano un sestetto senza “punti deboli” (lo stesso regista Spirito è atleta molto dotato nel fondamentale) e quindi i Block Devils dovranno avere astuzia e pazienza sabato sera in particolare quando chiamati ad attaccare palloni scontati.

Una considerazione la merita anche il servizio scaligero, probabilmente non tra i più potenti della Superlega, ma tra i migliori per quello che concerne la flot. I vari Spirito, Alletti, Solè e Birarelli sono tutti giocatori dotati di una battuta ficcante e molto tesa e non è un caso che tutti i punti diretti dalla linea dei nove metri a Monza siano arrivati proprio dalle loro flot.

Ultimo aspetto da mettere in evidenza parlando di Verona è certamente una panchina lunga e di qualità. Grbic può girare le partite (è successo proprio domenica a Monza) con innesti di giocatori di altissimo livello come l’ex Birarelli e Savani.

Questa la Calzedonia Verona, una squadra di alto livello, contro cui i Block Devils dovranno curare soprattutto la fase break, con la battuta dei tanti frombolieri bianconeri chiamata a far breccia nella seconda linea avversaria per costringere Spirito ad un gioco scontato.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!