"Sì, l'omofobometro lo vogliamo fare" - Tuttoggi

“Sì, l’omofobometro lo vogliamo fare”

Redazione

“Sì, l’omofobometro lo vogliamo fare”

Ecco gli studenti che non temono il test che è diventato un caso nazionale
Mer, 05/12/2018 - 18:17

Condividi su:


Ci sono studenti che il test per verificare il rischio nelle scuole umbre di pregiudizi e discriminazioni di genere – quello che il consigliere regionale De Vincenzi ha ribattezzato omofobometro – lo vogliono fare. E studenti che, pur avendo già sostenuto l’esame di terza media e la maturità, dalle aule universitarie giudicano favorevolmente questa iniziativa, che ha trovato compimento scientifico proprio nel Dipartimento di scienze umane dell’Università di Perugia.


Politica, religione, sessualità: ecco le domande dell’omofobometro


Si dovrebbero vergognare i consiglieri Ricci, Squarta e De Vincenzi per le affermazioni fatte – dichiara Matias Cravero, coordinatore di Altrascuola, Rete degli Studenti Medi Umbria – soprattutto alla luce dei segnali che dimostrano con chiarezza la diffusione di questo genere di discriminazioni nelle scuole“.

Definire proselitismo – aggiunge Lorenzo Gennari, coordinatore della Sinistra Universitaria, UdU Perugia –  questa ricerca sollecitata proprio dalle dichiarazioni degli stessi consiglieri sulla mancanza di dati scientifici che provassero il fenomeno, è tanto ridicolo quanto incoerente. Ci troviamo quindi d’accordo nel ribadire l’insensatezza delle ultime dichiarazioni dei consiglieri“.

Valutazioni a cui si aggiungono quelle di una delle persone coinvolte nel progetto, il presidente di Omphalos, Stefano Bucaioni: “Nel 2017, durante la discussione della legge regionale contro l’omo-transfobia, gli stessi consiglieri di centro destra che ora attaccano questa ricerca si opponevano alla legge lamentando l’assenza di dati che potessero giustificare una normativa contro le discriminazioni omofobiche e transfobiche, ignorando già ricerche nazionali, studi di osservatori delle forze dell’ordine e dati Istat. Ora che la Regione Umbria e l’Università degli Studi di Perugia si impegnano in una ricerca scientifica sul tema nel territorio regionale, gli stessi consiglieri l’attaccano con argomentazioni inesistenti. Questa è pura ipocrisia. Ipocrisia che nasconde l’esplicita volontà di porre qualsiasi argine al fenomeno della discriminazione per orientamento sessuale e identità di genere“.

Tutti e tre esprimono la loro solidarietà al professor Batini, che ha scelto le domande del test commissionato dalla Regione Umbria, “vittima – scrivono – di questo attacco da parte del fronte reazionario volto a delegittimare le sue ricerche: dato che come associazioni siamo impegnati nel difendere i diritti di tutti nelle scuole e nelle università sosterremo sempre ogni ricerca che miri a portare una riflessione critica sul fenomeno bullismo omo-transfobico nel nostro territorio“.

Interviene Forza Italia

 Sulla vicenda, a scoppio ritardato, interviene anche il capogruppo in Consiglio regionale, Roberto Morroni: “Rimango fortemente perplesso in merito all’iniziativa promossa dalla Regione Umbria che ha commissionato un test per verificare gli orientamenti sessuali degli studenti di terza media e quarto superiore. Non vedo l’opportunità di dar luogo a tali programmi che per altro travalicano anche le competenze dell’istituzione scolastica”.


Omofobometro, il caso arriva in Parlamento


Che aggiunge: “Sono concorde nel sensibilizzare i cittadini, sin dalla giovane età, su temi quali il contrasto alle discriminazioni sessuali e al bullismo ma reputo altresì profondamente sbagliata la strada intrapresa
dalla Regione in quanto ha dato vita ad una tracimazione delle proprie competenze svolgendo un’azione particolarmente intrusiva nella sfera intima e personale dei singoli. E prevaricando, in questo modo, anche il ruolo che in certi ambiti della formazione della persona spetterebbe alla famiglia. Insomma – conclude Morroni – di tutto avevamo bisogno tranne che di iniziative propagandistiche, e di forte caratura ideologica, dove a ricoprire il ruolo di soggetto debole, utilizzato a fini propagandistici, sono i nostri ragazzi”.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!