Scuole, lunedì a Orvieto simulazioni di evacuazione

Scuole, lunedì a Orvieto simulazioni di evacuazione

Iniziativa coordinata da Protezione Civile / Gruppo Comunale di Orvieto e Funzione Associata di Protezione Civile “Sud Ovest Orvietano” in occasione della Settimana della protezione civile

share

 In contemporanea con la Giornata mondiale per la riduzione dei disastri naturali dichiarata dall’Organizzazione delle Nazioni Unite, che si tiene il 13 ottobre di ogni anno, quest’anno dal 13 al 19 ottobre si svolge in tutta Italia la 1^ edizione della Settimana Nazionale della Protezione Civile istituita con una direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri, per promuovere tra i cittadini l’adozione di comportamenti consapevoli e di misure di autoprotezione, favorire l’informazione alle popolazioni sugli scenari di rischio, le buone pratiche di prevenzione dai rischi da adottare e la conoscenza sulla moderna pianificazione di protezione civile attraverso iniziative di informazione e comunicazione volte anche a sensibilizzare l’opinione pubblica, ed in particolare i giovani, sui temi della cultura di protezione civile e della resilienza.

Il programma degli eventi della Settimana nazionale che promuove anche la Campagna Io non rischio giunta alla 9^ edizione, è stato presentato presso il Dipartimento della Protezione Civile a Roma, in concomitanza con il 56° anniversario del disastro del Vajont quando la frana del Monte Toc provocò quasi 2000 vittime.  Oltre alle iniziative nazionali, ne sono previste numerose anche a livello locale.

Nella giornata di Lunedì 14 ottobre a partire dalle ore 10:30, nelle Scuole di ogni ordine e grado di Orvieto (Ciconia, Orvieto centro e Sferracavallo) si svolgeranno simulazioni di evacuazione e verifica delle corrette impostazioni dei piani di emergenza dei plessi scolastici, coordinate dal Gruppo Comunale della Protezione Civile di Orvieto e dalla Funzione Associata di Protezione Civile “Sud Ovest Orvietano”. Alle iniziative, patrocinate dal MIUR, interverranno anche il Sindaco di Orvieto ed altri rappresentanti dell’Esecutivo.

share

Commenti

Stampa