Scuola di Eggi, lunedì la posa della prima pietra

Scuola di Eggi, lunedì la posa della prima pietra

La nuova scuola dell’infanzia nella frazione spoletina realizzata dalla Fondazione Francesca Rava

share

Presto Eggi riavrà la sua scuola materna e sarà ospitata in una struttura antisismica, realizzata dalla Fondazione Francesca Rava – NPH Italia Onlus, con materiali e tecnologie di ultima generazione e dotata di impianti energetici di riscaldamento a ridotto impatto ambientale.

La cerimonia di posa della prima pietra è prevista per lunedì 29 gennaio alle ore 15 alla presenza, tra gli altri, del vicesindaco del Comune di Spoleto Maria Elena Bececco, della dirigente scolastica Norma Proietti, della presidente della Fondazione Francesca Rava – NPH Italia Onlus, Mariavittoria Rava. Saranno presenti anche i rappresentanti di alcuni dei sostenitori della Fondazione Francesca Rava nel progetto della scuola a Eggi: Fondazione Mediolanum Onlus, con la Presidente Sara Doris, Gruppo Credito Valtellinese con il Vice Presidente  Francesco Giacobbi, il Gruppo Eco Eridania, con il Presidente Andrea Giustini. Saranno presenti anche i rappresentanti di Fondazione Milan, Amway Italia e Q8 che hanno pure partecipato al progetto.

I nuovi moduli antisismici accoglieranno un ufficio segreteria, due classi (ognuna di 41 mq), un’aula comune (di 64 mq), uno spogliatoio, una cucinetta e vari servizi.

Gli alunni della scuola materna di Eggi, la cui struttura è stata dichiarata inagibile nel novembre del 2016 (nella foto) a seguito degli eventi sismici che hanno colpito il centro Italia, sono temporaneamente ospitati in un immobile di proprietà della Curia a San Giacomo di Spoleto.

La Fondazione Francesca Rava ha già consegnato 6 scuole alle comunità colpite dal terremoto del 2016, 1 ad Arquata del Tronto, 3 a Norcia e 2 a Cascia, a meno di un anno dalle prime scosse. Saranno presenti alla posa della prima pietra della Materna di Eggi anche Elisabetta Strada e Maria Chiara Roti Vicepresidente della Fondazione Francesca Rava, coordinatrici del progetto di aiuto ai bambini colpiti dal terremoto.

share

Commenti

Stampa