Sanità orvietana, criticità e dubbi su fondi Pnrr in Consiglio comunale: Tardani rassicura - Tuttoggi

Sanità orvietana, criticità e dubbi su fondi Pnrr in Consiglio comunale: Tardani rassicura

Marco Menta

Sanità orvietana, criticità e dubbi su fondi Pnrr in Consiglio comunale: Tardani rassicura

Lun, 01/08/2022 - 12:19

Condividi su:


La sanità territoriale sotto la lente del Consiglio comunale di Orvieto; l'interrogazione di Martina Mescolini, capogruppo di "Partito Democratico".

La sanità del territorio e l’ospedale Santa Maria della Stella di Orvieto all’attenzione del Consiglio comunale.

I gruppi consiliari “Partito Democratico”, “Siamo Orvieto” e “Orvieto Civica e Riformista”, infatti, hanno presentato un’interrogazione, illustrata da Martina Mescolini, capogruppo di “Partito Democratico”.

Martina Mescolini, in particolare, ha chiesto se per l’ospedale di Orvieto i fondi del Pnrr sono destinati solo a interventi infrastrutturali o anche a una implementazione delle dotazioni e dei servizi da erogare, e se esiste, per l’ospedale, un progetto di rilancio in grado di ridefinirne il ruolo all’interno del contesto regionale.

Edifici dell’ex ospedale di piazza Duomo: i soldi stanziati saranno sufficienti a coprire le spese per la ristrutturazione?

Sull’utilizzo degli edifici dell’ex ospedale in piazza Duomo per la realizzazione dell’ospedale e della casa di comunità, poi, ha domandato se i soldi stanziati saranno sufficienti a coprire le spese per la ristrutturazione e la messa a norma degli spazi, dato che la delibera del direttore generale avrebbe lasciato aperti degli interrogativi. E’ in essere un progetto di fattibilità per gli interventi necessari? Secondo la delibera l’ospedale di comunità sarà finanziato interamente con i fondi del Pnrr, ma sono disponibili altri fondi per la casa di comunità?

Mescolini: “Il Santa Maria della Stella presenta un’impossibilità di erogare servizi essenziali”

Il capogruppo di “Partito Democratico”, inoltre, ha aggiunto che con la delibera 658/2022 del direttore generale sono stati stanziati 15 milioni di euro destinati al territorio orvietano, così ripartiti: 7.347.053,05 euro per l’ospedale di Orvieto; 3.275.000,00 euro per la casa di comunità; 4.442.022,68 euro per l’ospedale di comunità.

Ha proseguito, ancora, dichiarando che a metà dello scorso mese di maggio il direttore generale ha inviato, a tutti i sindaci del territorio della USL Umbria2 e alla Giunta regionale, una nota in cui ha riportato alcune delle criticità dei servizi territoriali, tra cui: carenza di medici di assistenza primaria (MMG); mancanza di continuità assistenziale e medicina penitenziaria; carenza di medici di pediatria ospedaliera, e di medici per la rete territoriale di emergenza. “Non è menzionato l’ospedale Santa Maria della Stella di Orvieto – ha aggiunto – che presenta, però, una sostanziale impossibilità di erogare servizi essenziali come visite chirurgiche, ematologiche, cardiologiche, ortopediche e ginecologiche”.

Sanità pubblica e liste d’attesa

Martina Mescolini, ancora, ha lamentato il fatto che l’accesso alla sanità pubblica è precluso anche per visite ed esami di routine, con cittadini costretti a rivolgersi alla sanità privata; “il tutto mentre permane, aggravandosi, la situazione delle liste di attesa”. “Per di più la drammatica situazione di carenza di personale e di apparecchiature – ha concluso Mescolini – sta determinando la progressiva perdita di attrattività del nosocomio e la conseguente fuga verso altre destinazioni di numerosi professionisti”. “E’ urgente sapere, pertanto, la sanità territoriale potrà beneficiare di un progetto che sappia governare i cambiamenti imposti dalla pandemia”.

Tardani: “I fondi stanziati per gli interventi sul territorio sono ampiamente sufficienti

Da parte sua Roberta Tardani, sindaco di Orvieto, ha già risposto che “i fondi stanziati per gli interventi sul territorio sono ampiamente sufficienti a coprire le spese per la ristrutturazione e la messa in sicurezza degli spazi”. “Le risorse – ha dichiarato – provengono sia dal Pnrr che dal bilancio della Asl Umbria 2″.

Fondi Pnrr per la sanità: 3 linee di intervento

“I fondi Pnrr per la sanità finanziano tre linee di intervento: la medicina del territorio, la sicurezza e la telemedicina. Per la medicina del territorio sono stati stanziati circa 8 milioni di euro, finalizzati alla realizzazione della casa di comunità e dell’ospedale di comunità negli spazi dell’ex ospedale di piazza Duomo. Per la messa in sicurezza dell’ospedale Santa Maria della Stella 7,3 milioni di euro di fondi Pnrr. regionale”.

Pronto soccorso Santa Maria della Stella: 2,7 milioni per la ristrutturazione e la riorganizzazione

Sempre per quanto riguarda il Pnrr – ha concluso Roberta Tardani – sono previsti 1,3 milioni di euro per la digitalizzazione dei servizi dell’ospedale e 24.000 euro per le strumentazioni di Radiologia”. “A questi finanziamenti si aggiungono altri 3,5 milioni di euro provenienti dal bilancio della Asl Umbria 2: 2,7 milioni per la ristrutturazione e la riorganizzazione del pronto soccorso del Santa Maria della Stella; 722.000 euro per la realizzazione della nuova terapia intensiva e semi-intensiva”.


Condividi su:


"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!