San Ponziano, reliquia e sacerdoti in Comune e in carcere | Messa in diretta su Facebook

San Ponziano, reliquia e sacerdoti in Comune e in carcere | Messa in diretta su Facebook

Sindaco De Augustinis “simbolo di pace e di concordia civile” | Domenica pomeriggio la celebrazione vespertina e la testimonianza del cardinale Ernest Simoni per 28 anni prigioniero della dittatura albanese | Il programma delle celebrazioni per San Ponziano

share

L’Archidiocesi e la Città di Spoleto si apprestano a festeggiare il Santo Patrono, il martire Ponziano. Le celebrazioni per San Ponziano inizieranno domenica 13 gennaio alle ore 17.30 nella Basilica Cattedrale con la celebrazione vespertina e la testimonianza del cardinale Ernest Simoni, dal 1963 al 1991 prigioniero della dittatura albanese in quanto “nemico del popolo”.

Lunedì 14 gennaio, solennità del patrono, alle 11.30 in duomo l’Arcivescovo presiederà il solenne pontificale. Con una novità: monsignor Boccardo e i sacerdoti avvieranno la processione introitale del Pontificale, con la reliquia, dalla Cappella Palatina del Palazzo Comunale, invece che dalla basilica di Sant’Eufemia come avveniva in passato. Soddisfatto di ciò il sindaco di Spoleto Umberto de Augustinis: “Abbiamo pensato che fosse rilevante accogliere la proposta dell’Arcivescovo di far sì che la sacra reliquia del martire, dopo essere stata messaggera di misericordia nella Casa di Reclusione, al Ceis e dalle Suore della Sacra Famiglia, assurga anche a simbolo di pace e di concordia civile. È questo un modo per celebrare e rinsaldare la grande devozione e vicinanza che la Città ha dimostrato a San Ponziano nei secoli”. La celebrazione eucaristica verrà trasmessa in diretta sulla pagina Facebook della Diocesi: SpoletoNorcia. Un’altra messa è in programma sempre in cattedrale alle ore 9.

Nel pomeriggio invece alle 16.00 celebrazione dei secondi vespri e la processione (aperta come da tradizione da cavalli e cavalieri) che partirà da piazza Duomo alla Basilica di San Ponziano. Al termine, messa di ringraziamento presieduta da don Gianfranco Formenton parroco di San Martino in Trignano, San Angelo in Mercole e Montemartano.

I giorni precedenti la festa, San Ponziano si farà messaggero di misericordia. L’Arcivescovo porterà la reliquia per la prima volta tra i detenuti del carcere di Maiano di Spoleto, quindi tra le donne disabili accolte dalle suore della Sacra Famiglia alle Lacrime di Trevi e tra gli ospiti del Centro di Solidarietà “don Guerrino Rota” di Spoleto.

In particolare, domani, giovedì 10 gennaio, alle ore 16, la reliquia di San Ponziano sarà portata nella struttura “Il Mulino” del Ceis. Venerdì 11 gennaio, alla stessa ora, invece, la reliquia sarà pellegrina all’opera “Mons. Bonilli”, al santuario delle Lacrime di Trevi. Infine, sabato 12 gennaio, alle 15,30, la testa del patrono sarà accompagnata all’interno della casa di reclusione di Maiano, tra i detenuti.

share

Commenti

Stampa