San Francesco festa nazionale, l'idea tra mozioni e punzecchiamenti - Tuttoggi

San Francesco festa nazionale, l’idea tra mozioni e punzecchiamenti

Flavia Pagliochini

San Francesco festa nazionale, l’idea tra mozioni e punzecchiamenti

Mer, 13/01/2021 - 11:59

Condividi su:


San Francesco festa nazionale, l’idea tra mozioni e punzecchiamenti

La Lega in Regione riesce ad approvare una mozione unanime, Assisi Domani ironizza sulle "folgorazioni sulla via di Damasco" e sulle copiature

La politica assisana riesce a battibeccare anche su un patrimonio comune, San Francesco. Perché se la Lega, con i consiglieri regionali Stefano Pastorelli e Paola Fioroni, approva all’unanimità una mozione che impegna la Giunta di Palazzo Donini “a riprendere un percorso di dialogo politico con i tutti vertici istituzionali nazionali al fine di riconoscere la ricorrenza del 4 ottobre, data in cui si festeggia San Francesco d’Assisi, Santo Patrono d’Italia, quale festività nazionale, pertanto da inserire nel calendario tra i giorni festivi”, Assisi Domani ne approfitta per ricordare che la primogenitura dell’idea è sua, pur esprimendo apprezzamento per la scelta.

Illustrando l’atto di indirizzo in aula, Pastorelli ha ricordato come San Francesco oramai sia una festività solenne e ha spiegato che “il nostro Stato, laico, non può dimenticare o sottovalutare la forza delle nostre radici e delle nostre tradizioni plurisecolari ampiamente riconosciute, per cui il Santo Patrono d’Italia è divenuto nel tempo patrimonio di tutti gli italiani, senza distinzioni di sorta. La Regione Umbria deve essere fiera ed orgogliosa di aver dato i natali al Santo protettore di tutto il popolo italiano”. E Assisi Domani plaude alla mozione (“è giusta e sacrosanta la votazione unanime di tutte le forze politiche, senza distinzione di colori politici, sulla proposta che interessa San Francesco e la possibilità che il 4 ottobre ridiventi festa nazionale“), ma non rinuncia a punzecchiare l’esponente assisano del Carroccio.

Da 5 anni il sindaco Stefania Proietti, insieme alle famiglie francescane e al vescovo della città, – scrive la lista civica di maggioranza – si è fatta promotrice presso i vari governi nazionali del 4 ottobre festa nazionale. In questi 5 anni la Lega non ha mai preso posizione in merito, come se San Francesco non esistesse, mentre, oggi, gli esponenti del Carroccio umbro si sono svegliati e paiono fulminati sulla strada di Damasco facendosi paladini (o forse meglio dire copioni) di idee e proposte altrui“.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!