Ristoratori e baristi tifernati in piazza "Abbiamo bisogno di lavorare!" - Tuttoggi

Ristoratori e baristi tifernati in piazza “Abbiamo bisogno di lavorare!”

Davide Baccarini

Ristoratori e baristi tifernati in piazza “Abbiamo bisogno di lavorare!”

Ven, 15/01/2021 - 19:28

Condividi su:


Ristoratori e baristi tifernati in piazza “Abbiamo bisogno di lavorare!”

Un grande tavolo apparecchiato in piazza Matteotti e, intorno ad esso, decine e decine di ristoratori e baristi di Città di Castello.

Hanno manifestato così i lavoratori tifernati di uno dei settori più vessati dalle norme anti Covid che, nonostante oggi ci sia stata l’ombra dell’evento nazionale #ioapro1501 – che ha raccolto oltre 50.000 adesioni in tutta Italia -, hanno deciso di non aprire dopo l’orario limite delle 18.

Rispetto delle regole dunque, per non rischiare la licenza o multe che andrebbero solo a peggiorare la situazione, ma con la necessità di far valere le proprie ragioni. E così la protesta, pacifica e secondo le regole di distanziamento, assume il nome di “IoNonapro1501”, con il pizzaiolo Adriano a dare voce agli oltre 40 colleghi presenti.

Stiamo manifestando secondo le norme, nonostante i disagi siano palesi – ha urlato alla piazza con il megafono – perché siamo persone abituate a lavorare e fare tutto con le nostre forze e onestamente. Mai abbiamo chiesto nessun tipo di aiuto, da nessuna parte, e non lo stiamo chiedendo neanche oggi. Quello che vogliamo fare è semplicemente sensibilizzare l’opinione pubblica e soprattutto l’amministrazione, perché abbiamo bisogno di lavorare per noi, i nostri ragazzi che ci aiutano e tutto l’indotto del settore“.

Sarebbe ora che la cosa venisse più alla luce – ha continuato il portavoce dei ristoratori tifernati – che l’amministrazione ci aiuti quantomeno venendoci incontro, incominciando a pensare alle riaperture e non giocare a scaricabarile con il governo”.

Adriano e i colleghi – tra cui una chef tifernate che non ha ricevuto tutti i ristori (l’ultimo è di maggio) – hanno voluto anche sottolineare che questa manifestazione “è stata fatta nel pieno rispetto delle regole per tutelare la salute di tutti, perché teniamo a noi, alle nostre famiglie e ai nostri clienti ad un certo punto dobbiamo farci sentire e non restare chiusi per sempre o fino a non si a quando…C’è la necessita di riaprire le nostre attività e tornare a pieno regime“. Questo pomeriggio, infine, ristoratori e baristi hanno chiesto ufficialmente un incontro con l’amministrazione comunale.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!