Risiko banche in Umbria, i sindacati: Istituzioni assenti

Risiko banche in Umbria, i sindacati: Istituzioni assenti

Redazione

Risiko banche in Umbria, i sindacati: Istituzioni assenti

Mar, 01/12/2020 - 10:10

Condividi su:


Risiko banche in Umbria, i sindacati: Istituzioni assenti

Fanno il confronto con quanto sta avvenendo nelle vicine Marche, i sindacati umbri del settore bancario (Fabi, First Cisl, Fisac Cgil, Uilca Uil, Unisin). Con il presidente del Consiglio regionale delle Marche che ha incontrato i sindacati per discutere della conseguenze sul credito locale dell’accordo tra Intesa e Bper.

Risiko del credito: le partite in Umbria

Un accordo che ha conseguenze anche in Umbria, ovviamente. Dove all’ordine del giorno c’è anche il tema della fusione tra CariOrvieto e Banca Popolare di Bari. E i piani industriali di UniCredit e Banco Desio. Il risiko nel mondo delle credito cooperativo. Le annunciate ristrutturazioni di Sviluppumbria e Gepafin.

“I nostri appelli ignorati dalla Tesei”

“In Umbria – lamentano i sindacati di categoria – proseguendo la triste tradizione di disinteresse e sottovalutazione da parte dei vertici delle Istituzioni regionali, circa le ripercussioni di ciò che accade nel mondo bancario, sull’intera scena economica e sociale. Anche l’attuale presidente della Giunta regionale, Donatella Tesei, ha ignorato i ripetuti appelli che tutti i sindacati del credito hanno fatto da mesi, ben prima che le tematiche Covid si riacutizzassero, per avere un tavolo istituzionale atto a intervenire sui molti fronti aperti nelle banche operanti in Umbria”.

I sindacati bancari attaccano la Regione

Ricordano le partite del credito aperte in Umbria. Situazioni su cui sarebbe “urgente” parlare con chi rappresenta la comunità regionale. “I cittadini, le associazioni di categoria, gli enti intermedi – proseguono i sindacati – devono sapere che di fronte alle future inevitabili difficoltà, riduzione di sportelli e livelli occupazionali, modelli di servizio, accesso e costo del credito, che si troveranno ad affrontare nei loro rapporti con le banche operanti in regione, mentre i sindacati dei bancari stanno facendo del loro meglio per tutelarli, altri, gli stessi che sono stati eletti per tutelare l’intera comunità regionale, no”.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!