Riordino Province, da 108 a 60. Nel pacchetto anche l’istituzione di dieci città metropolitane - Tuttoggi

Riordino Province, da 108 a 60. Nel pacchetto anche l’istituzione di dieci città metropolitane

Redazione

Riordino Province, da 108 a 60. Nel pacchetto anche l’istituzione di dieci città metropolitane

Ven, 10/02/2012 - 15:54

Condividi su:


“Concordo pienamente con la proposta del Presidente dell’Upi nazionale Giuseppe Castiglione, proposta efficace e concreta per il riordino amministrativo che porta alla semplificazione e alla riduzione dei costi: riduzione drastica del numero delle Province, dalle attuali 108 a 60, con l’istituzione di dieci città metropolitane previste nella legge delega sul federalismo fiscale (Torino, Milano, Venezia, Genova, Bologna, Firenze, Roma, Napoli, Bari e Reggio Calabria), il riordino dell’amministrazione periferica dello Stato e la razionalizzazione degli oltre 7.000 enti strumentali ed intermedi, agenzie regionali e provinciali e consorzi che esercitano funzioni e competenze tipiche di Comuni e Province”. Il presidente dell’Upi Umbria e presidente della provincia di Perugia, Marco Vinicio Guasticchi, accoglie e concorda con la proposta che vede il dimezzamento delle Province, ma che porterebbe ad un risparmio di 5 miliardi di euro contro i 65 milioni di euro previsti nel decreto Salva – Italia, legati alle Province. “Una proposta coraggiosa – ribadisce Guasticchi – che va a vantaggio dei cittadini, riduce i costi della politica e fa chiarezza sul ruolo delle Istituzioni, eliminando sovrapposizioni ed enti inutili”. “Dopo l’incontestabile successo dell’operazione verità con il Consiglio Provinciale aperto del 31 gennaio scorso sui temi del riordino istituzionale – aggiunge Guasticchi – la Provincia di Perugia e l’UPI regionale fanno propria questa proposta di legge che garantisce la rappresentanza democratica dei territori, rilancia il riassetto istituzionale e dà concretezza all’eliminazione degli sprechi”. Condividendo il percorso intrapreso dall’UPI, Il Presidente Guasticchi riafferma il ruolo della Provincia come Ente di area vasta, il dialogo istituzionale e democratico, ripropone all’attenzione dei cittadini il gravame economico sulla collettività degli enti di secondo livello e ribadisce il ruolo e l’importanza dell’Ente Provincia che in questi giorni di ‘emergenza maltempo’ è stata esempio di efficienza con il lavoro del Coordinamento di uomini e mezzi del settore viabilità, della Polizia Provinciale e della protezione civile, Coordinamento che ha garantito l’intera comunità provinciale, in sinergia con Prefettura e Regione Umbria.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!