Rifiuti dalla Capitale | Muraro: “Terni può stare tranquilla”

Rifiuti dalla Capitale | Muraro: “Terni può stare tranquilla”

Per l’assessore capitolina non esiste nessun caso Umbria | “La città è già martoriata dall’inquinamento”

share

Non esiste nessun caso Umbria e la Presidente della Regione non si deve preoccupare“. È questa la frase con la quale l’assessore all’Ambiente del Comune di Roma, Paola Muraro, corregge il tiro sulle recenti dichiarazioni del sindaco Raggi che lasciavano ipotizzare l’utilizzazione delle strutture Acea di Terni e Orvieto come sedi per lo smaltimento dei rifiuti della Capitale.

Il conferimento dei rifiuti negli impianti ACEA nel Lazio – prosegue –  già avviene da molti anni nel silenzio generale (che ha fatto finora la vecchia politica?), non è nelle intenzioni del Comune di Roma intervenire su nuovi ampliamenti o modifiche autorizzative degli impianti ACEA. Gli impianti citati fanno parte dell”impiantistica di ACEA di proprieta per il 51% del Comune di Roma. L’utilizzo dei suddetti impianti potrà avvenire solo nel rispetto delle autorizzazioni vigenti e i rifiuti verranno conferiti tenendo conto del principio di prossimità“.

Terni – conclude l’assessore – è già una città martoriata dall’inquinamento: ricordiamo che ha il triste primato di essere la prima città in Italia per nichel e cromo dispersi in atmosfera e nei suoli. Quelle di oggi sono solo polemiche costruite ad arte e i sindaci Pd e Fi che oggi pretestuosamente hanno alzato il classico polverone agostano. I cittadini possono dormire sonni tranquilli. Il M5S non solo a Roma ma in tutta Italia vuole andare verso Rifiuti zero e sta lavorando per questo con impegno“.

share

Commenti

Stampa