Ricostruzione Post-Sisma, Convegno a Spoleto dei geometri e dalle professioni tecniche dell’Umbria - Tuttoggi

Ricostruzione Post-Sisma, Convegno a Spoleto dei geometri e dalle professioni tecniche dell’Umbria

Redazione

Ricostruzione Post-Sisma, Convegno a Spoleto dei geometri e dalle professioni tecniche dell’Umbria

La situazione attuale e le opzioni per finanziare le opere | Di 230 progetti presentati, autorizzati solo 45 | Conclusioni della presidente Marini
Mer, 13/12/2017 - 11:26

Condividi su:


Si è aperto con un minuto di silenzio e un commosso ricordo del sindaco Fabrizio Cardarelli, prematuramente scomparso, il convegno organizzato martedì 12 dicembre a Spoleto dai Collegi dei geometri di Perugia e Terni e dalla Rete delle professioni tecniche dell’Umbria per informare i cittadini su come viene finanziata la ricostruzione post sisma.

“Abbiamo l’impressione – ha spiegato Enzo Tonzani, presidente del Collegio dei geometri di Perugia – che non tutti abbiano compreso fino in fondo come funziona il meccanismo della ricostruzione. I soldi ci sono e ci sono veramente, ma dobbiamo farlo capire ai cittadini. Noi professionisti siamo in prima linea cercando di offrire il nostro contributo di idee e proposte e la nostra collaborazione agli uffici pubblici”.

Per fare il punto della situazione, all’iniziativa sono intervenuti e hanno relazionato rappresentanti locali di Ance (Associazione nazionale costruttori edili), Cna (Confederazione nazionale dell’artigianato), Confartigianato, Asppi (Associazione sindacale piccoli proprietari immobiliari), Bcc Umbria e Bcc di Spello e Bettona. Ma a fornire una panoramica la più ampia e completa possibile e a illustrare le principali criticità della ricostruzione è stato, innanzitutto, Alfiero Moretti, vicepresidente dell’Osservatorio nazionale della ricostruzione.

“A oggi – ha dichiarato Moretti – sono stati presentati 230 progetti e, di questi, 45 sono già stati autorizzati. Altrettanti sono in via di realizzazione. La burocrazia ha il compito di applicare le disposizioni normative, legislative e regolamentari e svolge un’azione di controllo per verificare la correttezza dell’operato dei tecnici. Dobbiamo certificare come vengono spesi i soldi dei cittadini italiani destinati ai terremotati e questo, a volte, porta via del tempo, ma è fondamentale farlo”. “L’ultima scossa importante – ha quindi ricordato Tonzani – c’è stata a gennaio, per cui dobbiamo cominciare a contare i tempi della ricostruzione da quella data e non da prima. In tutti gli altri terremoti c’è stato un periodo di assestamento per capire come fare al meglio le cose, per organizzarle e per fare i sopralluoghi che, sottolineiamolo, sono stati migliaia e migliaia”.

“È necessaria più informazione tra i cittadini – ha aggiunto Moretti – anche perché per la prima volta lo Stato ha finanziato tutto subito: le attività produttive, le opere pubbliche, le prime e seconde case”. E proprio nell’ambito del finanziamento delle opere un ruolo importante è quello svolto dalle banche, in particolare grazie ai finanziamenti agevolati per la ricostruzione disponibili grazie alla convenzione Cdp-Abi ‘Plafond sisma centro Italia’ sottoscritta da entrambi gli istituti di credito cooperativo della regione. “Cassa depositi e prestiti – ha affermato Marcello Morlandi, direttore generale di Bcc Umbria – ha messo a disposizione un plafond per rilasciare a privati e imprese finanziamenti finalizzati alla ricostruzione. Di fatto, i soldi li mette Cdp e noi svolgiamo un’azione di organizzazione dei finanziamenti nei confronti delle popolazioni colpite dal terremoto, fornendo quindi un servizio sociale. Mettiamo inoltre a disposizione nostri fondi”.

“Oltre a essere stati i primi in Italia a firmare la convenzione con Cdp – ha detto Maurizio Del Savio, direttore generale di Bcc di Spello e Bettona –, nell’immediato ci siamo mossi autonomamente mettendo a disposizione, con fondi nostri, un plafond di 5 milioni di euro, la gran parte a tasso zero. Abbiamo inoltre aperto una sede a Norcia che ha avuto 250 adesioni”.

“Si entra nella parte viva della ricostruzione – ha commentato la presidente della Regione Umbria Catiuscia Marini tirando le conclusioni –. La presentazione di tutte le pratiche per i danni lievi, le cosiddette B, l’avvio della ricostruzione pesante e l’approvazione di piani importanti per opere pubbliche per oltre 140 milioni di euro ci impongono un’organizzazione e una collaborazione stretta con i professionisti. L’incontro di oggi è servito anche a stringere un patto di collaborazione”.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!