Rapina in villa a Spoleto, imprenditore nel mirino di banda armata - Tuttoggi

Rapina in villa a Spoleto, imprenditore nel mirino di banda armata

Redazione

Rapina in villa a Spoleto, imprenditore nel mirino di banda armata

In 5 armati di pistola rapinano sabato sera noto imprenditore e la moglie e fuggono con un bottino ingente. Indaga la polizia
domenica, 17/03/2019 - 10:03

Condividi su:


Rapina in villa a Spoleto, imprenditore nel mirino di banda armata

Assalto in villa nella prima serata di sabato a Spoleto ai danni di un noto imprenditore spoletino. Cinque i banditi, tutti a volto coperto ed armati di almeno 2 pistole, che hanno agito nell’abitazione situata nella zona tra San Nicolò e Santo Chiodo. La banda armata si sarebbe introdotta nell’abitazione passando da un cancelletto secondario e quindi dal garage, approfittando dell’oscurità. Quindi hanno minacciato l’imprenditore e la moglie, intimando loro di aprire la cassaforte e consegnargli gli oggetti di valore.

La coppia ha obbedito e i malviventi si sono quindi dati alla fuga pochi minuti dopo con un bottino consistente, tra denaro e oggetti preziosi; il valore stimato si aggira intorno ai 250mila euro. Solo a quel punto l’imprenditore e la moglie – su cui i rapinatori non hanno usato violenza al di là delle minacce con le pistole puntate – hanno chiamato il 113.

Sul posto sono quindi intervenuti gli agenti del commissariato di polizia di Spoleto, guidati dal vicequestore aggiunto Claudio Giugliano. Immediatamente sono stati predisposti anche dei posti di blocco ma finora sembra senza alcun esito. Sono comunque in corso indagini ed un nuovo sopralluogo anche in queste ore per individuare elementi utili ad identificare i malviventi.

Già qualche anno fa a poche centinaia di metri dalla villa colpita la sera scorsa c’era stata un’altra rapina, ai danni di un professionista spoletino. Era il 2011 ed anche in quel caso ad agire era stata una banda armata. Ma con il colpo di ieri sera non sembrerebbero esserci al momento analogie.


Condividi su:


Aggiungi un commento